Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Post con tag “Brexit”

A 91 anni la regina trolla ed è instagrammabile

Anche la regina Elisabetta può trollare:

Queen trolls Theresa May with hat that looks remarkably like the European Union flag

Molti ritengono l’abbia fatto ieri durante il cosiddetto Queen’s speech, la cerimonia di apertura del parlamento dopo le elezioni. Ha presenziato indossando un cappello azzurro decorato con fiori stellati con centro giallo che ricordava molto la bandiera dell’Unione europea

(altro…)

Brexit al via: di grilletti e torte!

BREXIT: PULL THE TRIGGER
Vignetta: Peter Brookes

Oggi 29 marzo 2017 Il Regno Unito ha iniziato formalmente la procedura di uscita dall’Unione europea. In inglese il verbo più usato è trigger (ad es. Theresa May triggered Article 50) che vuol dire “dare il via” o “dare avvio” ma ha anche il significato letterale di premere il grilletto.

OK… I’M TRIGGERING THIS THING…
Vignetta: Blandan Reynolds

L’espressione shoot oneself in the foot* invece equivale a “darsi la zappa sui piedi”.

(altro…)

“Brexit significa Brexit”

“Brexit means Brexitè una tautologia che il primo ministro britannico Theresa May ha ripetuto più volte, senza però mai fornire alcun dettaglio.

vignetta di Christian Adams  Vignetta: Christian Adams

In realtà nessuno sa ancora cosa comporterà veramente l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. L’unica certezza è il nome Brexit, da subito un internazionalismo e sicuramente una delle parole dell’anno 2016.

(altro…)

Bradsplit, Brexpitt e Bradxit

vignetta di Matt, due strilli di giornale contrapposti: ANGELINA & BRAD SPLIT – TRUMP: ‘I’LL BUILD A WALL BETWEEN THEM’ vignetta di MATT

La notizia che Angelina Jolie ha chiesto il divorzio da Brad Pitt è irrilevante, però ne sono nati alcuni giochi di parole divertenti.

Gli hashtag più riusciti sono due:
#Bradsplit (o #Bradsplitt), che gioca con split, separazione;
#Brexpitt, che non solo fa pensare a un abbandono tumultuoso, come quello del Regno Unito dall’Europa, ma contiene anche la parola ex.

(altro…)

Notizie dalla Turchia: colpi di stato in prestito

Alcuni titoli di notizie in italiano, francese, inglese, spagnolo e tedesco visti ieri sera:

Turchia, golpe dei militari
Tentativo di colpo di Stato in Turchia
Tentative de coup d’État en Turquie
Attempted Military Coup in TurkeyLa Turchia sospesa tra golpe e putsch
Golpe de Estado en Turquía
Tentative de putsch en Turquie
Putschversuch in der Türkei
Wie funkioniert ein Putsch?

Si notano vari prestiti:
♦  colpo di stato è un calco dal francese coup d’état;
  coup d’état è usato anche in inglese, di solito abbreviato in coup
♦  golpe è un prestito abbreviato dallo spagnolo golpe de Estado (colpo di stato);   
♦  putsch è un prestito dal tedesco Putsch, usato anche in francese e in inglese.

(altro…)

“Fromage not Farage”

Il 2 luglio 2016 a Londra decine di migliaia di persone hanno partecipato alla marcia per l’Europa per manifestare contro la Brexit.

FROMAGE NOT FARAGEUno degli slogan più divertenti era Fromage not Farage, con palese riferimento a Nigel Farage, l’europarlamentare britannico a capo* dell’UK Independence Party (UKIP) e uno dei leader della campagna anti UE.

Lo slogan privilegia la pronuncia del cognome “alla francese” usata da Farage, /ˈfærɑːʒ/. Molti dei suoi detrattori, tra cui David Cameron, preferiscono invece chiamarlo “all’inglese”, /ˈfærɪdʒ/.

(altro…)

Brexit: né uvetta né ciliegie né torta per gli inglesi

Rosinenpickerei

Qualche giorno fa al Bundestag Angela Merkel si è espressa sui negoziati per la Brexit, sottolineando che il Regno Unito non potrà scegliere a proprio piacimento a quali regole sottostare. Sia i media tedeschi che quelli britannici hanno dato risalto a una frase in particolare:

Merkel will keine “Rosinenpickerei” bei Brexit-Verhandlungen zulassen

Britain can’t ‘cherry-pick’ rules, says Merkel

(altro…)

Brexit: la sorte dell’inglese lingua ufficiale UE

English becomes Esperanto – The Economist

Nei giorni scorsi i media di molti paesi hanno diffuso la notizia che con l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea l’inglese cesserebbe di essere una lingua ufficiale. Alla loro adesione all’UE gli altri due paesi in cui si parla inglese avevano infatti dichiarato un’altra lingua ufficiale: l’Irlanda il gaelico (l’inglese è la seconda lingua ufficiale) e Malta il maltese.

Pare sia partito tutto dall’affermazione di una deputata del Parlamento europeo riportata da Politico, confermata poi informalmente anche da funzionari di altre istituzioni europee. 

(altro…)

Da Brexit a regrexit, è wrexit. E poi nexit?

BREXIT by Patrick Chappatte
vignetta @PatChappatte

Regrexit

Tra i cittadini britannici che giovedì 23 giugno hanno votato per uscire dall’Unione europea (Brexit) pare ce ne siano molti, come questi, che si sono già pentiti della propria scelta. È subito nata la parola macedonia regrexit, da regret  (rammarico, rimpianto) + Brexit, e l’hashtag #regrexit è stato a lungo “di tendenza”.

(altro…)

Brexit, Bremain e la crasi dei media italiani

EU REFERENDUM VOTE: ☐ BREXIT  ☐ BREMAIN  ☐ BRUGGERD IF I KNOW Oggi nel Regno Unito si vota se rimanere o meno nell’Unione europea. Da tempo anche in Italia conosciamo il significato di Brexit, la potenziale uscita dalla Ue, e più recentemente anche di Bremain, la permanenza nell’unione.

Brexit e Bremain sono due parole macedonia, formate dalla fusione di due parole diverse che di solito hanno almeno un segmento in comune: in questo caso British+exit (a sua volta modellato su Grexit e inizialmente coesistente con Brixit, Britain+exit) e British / Britain+remain.

Si tratta di un meccanismo di formazione di neologismi comunissimo in inglese (portmanteau words) e a cui ricorre spesso anche l’italiano.

(altro…)

Brexit ed Eurovision

Sui social media in Gran Bretagna sta circolando questa vignetta di Matt:

(uomo che mostra televisione con scritta EUROVISION): “Brexit would mean having to organise 27 separate song contests with the other EU countries”

Si riconoscono due riferimenti che implicano conoscenze enciclopediche condivise comunque anche dagli italiani che seguono l’attualità: 1 la Brexit, la potenziale uscita del Regno Unito dall’Unione europea, e 2 il festival canoro Eurovision Song Contest, che in UK e nel resto dell’Europa settentrionale è uno degli eventi televisivi dell’anno.

(altro…)

Greferendum, Grexit, Grimbo, Gredge…

La crisi greca ha dato origine a diversi neologismi. I più noti sono parole macedonia nate in inglese e che hanno come primo elemento le due lettere iniziali di Greece.

Greferendum (in italiano anche grereferendum) è il più recente, nato come hashtag su Twitter per il referendum che avrà luogo in Grecia il 5 luglio. È stato subito adottato in più lingue, molto efficace non solo perché referendum è un internazionalismo ma anche perché fa pensare a un altro neologismo ormai notissimo, Grexit.
EXIT - GREXIT

(altro…)

Ghigliottine, (pan) brioche e torte

For Every Household [Slap Chop è il nome commerciale di un utensile da cucina con un meccanismo a lama che scende dall’alto]A proposito di ghigliottine, una delle vittime più famose è sicuramente Maria Antonietta d’Asburgo-Lorena, che nella cultura popolare è ricordata per la frase (apocrifa)  “Se non hanno pane, che mangino brioche!”, in francese “S’ils n’ont plus de pain, qu’ils mangent de la brioche” (brioche: pasta lievitata dolce usata per varie preparazioni, diverse però da croissant e cornetti di pasta sfoglia).

Forse non tutti sanno che let them eat cake è la frase equivalente in inglese, usata ormai nei contesti più disparati, pare con maggiore frequenza che in francese.

A conferma che l’espressione let them eat cake fa stabilmente parte delle conoscenze enciclopediche di chi parla inglese, una coincidenza curiosa: ieri mi è capitato di vederla sia in una vignetta* di Savage Chickens che in un titolo di The Guardian.

Let them eat cake for breakfast? The latest fad in dieting. How we consume is a measure of our wider fears and securities. What does the Marie Antoinette Diet tell us about ourselves?In inglese ci sono varie espressioni idiomatiche che hanno a che fare con i prodotti da forno, come ad esempio you can’t have your cake and eat it (too), che equivale a “non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca, sell like hot cakes, “andare a ruba”, e a piece of cake, qualcosa che è molto facile da fare. Altri esempi in Questioni di pane e di torte (Wallace & Gromit).


Nuovo post: Brexit: né uvetta né ciliegie né torta per gli inglesi sul modo di dire you can’t have your cake and eat it (too) e sulla variazione in tema che ha portato al neologismo cakeism.

Theresa May vestita da Maria Antonietta dice Let us eat cake! (sullo sfondo una ghigliottina con la bandiera UE)  Didascalia: Brexit Strategy
Vignetta di Dave Brown


* Slap Chop è la marca di un utensile da cucina con un meccanismo a lama che scende dall’alto.