Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Post nella categoria “varie”

Tipicamente irlandese!

Oggi è St. Patrick’s Day, festa nazionale irlandese.

vignetta Jeff Larson

Il trifoglio è il simbolo non ufficiale dell’Irlanda in ricordo di San Patrizio che, stando alla tradizione, l’aveva usato per spiegare il concetto di trinità (l’unione delle tre persone divine, Padre, Figlio e Spirito Santo, in una sola sostanza).

È un’informazione nota ma non ha impedito a chi produce i cappellini ufficiali della presidenza Trump di confondere il trifoglio (shamrock) con il quadrifoglio (four leaf clover): Trump’s Irish hat gets it SO wrong (un esempio di alternative facts?!).

(altro…)

Noi e loro

us-and-them

Vignetta di Wrong Hands che fa riflettere sull’uso e sulle connotazioni delle parole ma fa anche pensare alle caratteristiche essenziali e distintive dei concetti.

(altro…)

Lo strano caso dell’attentato in Svezia

Trump si inventa un attentato terroristico in Svezia. Ex premier scandinavo: “Cosa si è fumato?”

Notizia dei giorni scorsi: Trump si è inventato un attentato in Svezia e sul web si è scatenata l’ironia ma anche le controreazioni dei suoi sostenitori.

La vicenda si presta a riflettere su alcuni meccanismi linguistici, un paio relativi alla comunicazione e un altro terminologico, evidenti soprattutto dopo il tweet di chiarimento di Trump (si riferiva a un programma televisivo di Fox News della sera precedente sul presunto aumento della criminalità in Svezia a causa dell’immigrazione).

Strategie di inferenza

Negli atti linguistici molte informazioni non vengono dette esplicitamente ma veicolate in modo implicito: è la differenza tra “ciò che viene detto” (significato letterale) e “ciò che viene comunicato” (significato inteso).

(altro…)

ExplorER, un nome efficace

Di solito sono piuttosto critica verso i nomi inglesi usati per prodotti italiani, specialmente se riguardano cibo e turismo, ma ho apprezzato ExplorER, il nome di un enorme touch screen che ho visto nell’atrio della stazione AV di Bologna.

ExplorER

È una mappa interattiva della regione che consente di visualizzare informazioni su luoghi di interesse artistico e naturalistico, prodotti tipici e altro in italiano o in inglese.

(altro…)

L’organino di Trump: accordi o accordio?

Ho trovato divertente il video di Huw Parkinson intitolato Life Accordion to Trump, a cominciare dal gioco di parole tra according to, “secondo” e accordion, “fisarmonica”:

Attenzione: se premete il tasto YouTube icon vi verranno installati cookie di terze parti, siete avvisati!

Accordion è entrato in inglese dal tedesco Akkordion, da Akkord, accordo, il cui etimo è il verbo italiano accordare. Ha la stessa origine anche accordéon, francesismo usato in italiano come sinonimo meno frequente di fisarmonica.

(altro…)

Coccinella beneaugurante

Coccinella septempunctata

La parola coccinella mi è sempre piaciuta molto. Deriva dal latino coccĭnus, dal greco κόκκινος “di colore rosso scarlatto”, a sua volta da κόκκος “cocciniglia, tinta scarlatta”. 

Altri nomi della coccinella

In alcune regioni italiane le coccinelle sono note anche con altri nomi, tra cui lucie, gallinelle del Signore, madonnelle e mariole.

(altro…)

Le 13 parole peggiori del 2016

vignetta Clay Jones: 2006

La vignetta* sintetizza il sentire comune sul 2016, per molti un anno ostile. In tema, ho compilato la mia classifica di 13 parole descritte nel 2016 che si sono distinte per uno o più aspetti negativi.

♦  Peggior calco: muscolare
♦  Peggior marchionimo: BIObreak  
♦  Peggior gioco di parole: Codiamo
♦  Peggior falso amico: deportazione
♦  Peggiore anglicismo superfluo: fake news 
♦  Peggior nome di programma televisivo: Sunday Tabloid
♦  Peggiori esempi di inglese farlocco: Cinema2Day e ScholarsJob
♦  Peggior anglicismo istituzionale: Act (Student Act, Food Act, Social Act…)

(altro…)

Auguri!

Auguri!

Tantissimi auguri di Buone Feste a tutti!

Licia
.

(altro…)

Alluminio

“CHEER UP! EVERY CLOUD HAS AN ALUMINUM LINING!” “ALUMINUM?” “SILVER SEEMS A LITTLE TOO OPTIMISTIC”

Queste vignette di Doug Savage, autore canadese, non sono facilmente traducibili in italiano perché giocano con il modo di dire inglese every cloud has a silver lining (“ogni nuvola ha un bordo argentato”) che noi esprimiamo con non tutti i mali vengono per nuocere o più genericamente con ogni cosa ha un suo lato buono / positivo.

(altro…)

Web developers!

Per sorridere, una vignetta di Moderately Confused facile da capire ma difficile da tradurre efficacemente:

WE ARE THE ONLY WEB DEVELOPERS WHO LIKE BUGS

(altro…)

#EDLangs 2016

Giornata europea delle lingue

Oggi 26 settembre è la Giornata europea delle lingue.

È stata istituita per sensibilizzare le persone all’importanza dello studio delle lingue per diffondere il plurilinguismo e la comprensione tra culture.

Si festeggia con molti eventi in tutta Europa: io sono a Viterbo all’Università della Tuscia.

Evoluzione della scrittura

Evolução da escrita...

Questa vignetta dell’illustratore brasiliano Cazo mi ha fatto subito pensare a “Dacci un segno” a Radio3 Scienza, una trasmissione dedicata all’evoluzione della scrittura, dai simboli preistorici alle emoji, a cui sono intervenuta anch’io. È andata in onda lo scorso luglio e si può ascoltare direttamente dal post.

Giornata europea delle lingue 2016 a Viterbo

Il 26 settembre è la Giornata europea delle lingue. La festeggerò a Viterbo a Giocare con la lingua: tormentoni, deformazioni, somiglianze e grammelot, un evento organizzato dall’Università della Tuscia.

Giornata europea delle lingue 2016 – Università della Tuscia

(altro…)

Umorismo informatico dei primi anni ‘90

Vignetta “vintage” vista in mike’s web log.

faxJoke – understanding the technology

È usata per illustrare la parola faxlore, modellata su folklore, che identifica vignette, storielle e testi umoristici che prima dell’avvento di email e poi dei social media venivano fatti circolare via fax o con fotocopie.

(altro…)

Maglietta per viaggiatori, grazie a voi!

iconspeak t shirt women caribbean blueMi piace molto la maglietta di ICONSPEAK che ho vinto come seconda classificata al concorso Top 100 Language Lovers 2016 organizzato da bab.la e Lexiophiles.

Probabilmente l’avete riconosciuta perché qualche mese fa l’hanno descritta vari media e siti di viaggi.

Ha la particolarità di riportare 49 simboli che possono essere usati per far capire le proprie necessità a persone con cui non si ha alcuna lingua in comune.

I simboli includono sia pittogrammi (immagini stilizzate immediatamente riconducibili a oggetti reali) che ideogrammi (immagini o simboli che rappresentano idee o concetti, come pace e amore). Si tratta però di una distinzione non sempre netta, come mostrano alcuni simboli della maglietta:

(altro…)

È stata fatta una ricerca per la categoria “varie”.