Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Dagli USA, per non sprecare acqua del WC

In inglese esistono vari espedienti di mnemonica che consentono di tenere a mente nozioni varie, come ad es. nomi o azioni che vanno ricordati in una particolare sequenza.

Tra questi ce n’è uno americano per limitare il consumo di acqua quando si va in bagno e ridurre così la propria impronta idrica (water footprint):   

Immagine di water con la scritta “if it’s yellow let it mellow, if it’s brown flush it down”

In base al colore di quanto è stato prodotto: 
se giallo si lascia in ammollo,
se è marrone si usa lo sciacquone

La traduzione è un tentativo di riproporre la rima originale, che con l’allitterazione è una caratteristica ricorrente di molti espedienti di mnemonica: il ritmo che viene conferito dai versi consente di ricordarli meglio.

Negli espedienti di mnemonica si notano anche altri elementi tipici dei giochi di parole, come la coppia minima yellow jeləʊ/ – mellow meləʊ/. [Aggiornamento] Ricorre a una coppia minima anche la traduzione alternativa suggerita da un amico, se è gialla lasciala a galla, se è marrone tira lo sciacquone (/ˈʤalla/ – /ˈgalla/).

Un altro meccanismo ricorrente è lo scarto di consonante, come black /blæk/ – back /bæk/ nella rima americana che insegna il comportamento da tenere se ci si imbatte in un orso:

Cartello illustrato intitolato “how to survive a bear attack” con indicazione “if it’s brown, lie down” e “if it’s black, fight back” (come sopravvivere all’attacco di un orso: se è bruno, rannicchiarsi a terra e fingersi morti, se è nero aggredirlo)

(c’è anche chi aggiunge un terzo verso sull’orso polare, con il quale non c’è scampo: if it’s white, say goodnight)

Per altri esempi di espedienti di mnemonica in inglese e in italiano: Mnemonica (e commenti).

Acqua nel water: differenze culturali!

Tornando alla prima immagine, si nota che il water ha un tipico aspetto americano, con la cassetta di scarico esterna, sopra alla tazza. È una rappresentazione che si ritrova nelle emoji delle diverse piattaforme e una scelta che ne conferma l’approccio “americanocentrico”.

La differenza più rilevante tra water americani ed europei però è un’altra e credo consenta di capire perché l’indicazione if it’s yellow, let it mellow* possa risultare più accettabile in un contesto americano.

immagine stilizzata che confronta water americano, water europeo e water tedesco

La tazza dei water americani è piena di acqua, come si deduce anche dalle scene di film americani in cui i bulli spingono la testa di una vittima dentro il water, da cui poi riemerge grondante di acqua. Una produzione di urina in un water americano risulta quindi più “diluita” di quanto non lo sarebbe in un water europeo.

Il maggiore quantitativo di acqua è legato a un diverso sistema di scarico ma consente anche di ridurre gli odori e la necessità di pulire la tazza da eventuali residui. Rende però molto sgradevole il problema degli inevitabili spruzzi.

Gli americani a quanto pare sono invece sconcertati dai water tradizionali tedeschi, provvisti di una specie di mensola che raccoglie le feci per consentirne l’osservazione e individuare eventuali anomalie da segnalare al medico.   

.
A proposito di water, vedi anche:
🚽 Alternative al water d’oro 
🚽 E-Bidet e differenze culturali 
🚽 Toilet(te), una storia movimentata


* il verbo mellow ha più accezioni, tra cui, riferito a cibi, vini ecc. lasciare che maturino, invecchino o si ammorbidiscano con il tempo
.

Tag: , , ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Un commento a “Dagli USA, per non sprecare acqua del WC”

  1. 24 giugno 2022 07:34

    Gianmaria Lari:

    Non posso esimermi dal commentare che il “water alla tedesca” che ho avuto per circa 3 anni nella mia primissima permanenza a Ginevra e’ effettivamente sconcertante…. ma come sempre ci si abitua ed infine apprezza poter osservare i propri artefatti. Quando ci trasferimmo in un altro appartamento non fu senza sincero rammarico dover tornare al water classico. Ancor oggi a distanza di quasi vent’anni, tornerei al water tedesco (ibridato con il water giapponese) se potessi.

Commenti: