Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Quanti dubbi su “quarantena o auto-sorveglianza”!

In questo post non ho risposte ma solo domande che farei a chi si occupa dell’informazione pubblica in una situazione di emergenza come l’epidemia da COVID-19. Lo spunto è il comunicato stampa del Consiglio dei Ministri del 29 dicembre 2021.

Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri n. 54 del 29 dicembre 2021 -- Misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria (decreto-legge)

Chissà se chi ha redatto il comunicato si rende conto che le misure di contenimento dell’epidemia riguardano tutti i cittadini e quindi il testo dovrebbe essere comprensibile a chiunque?

Me lo sono chiesta in particolare leggendo la sezione Quarantene, che riporto interamente qui sotto con alcune evidenziazioni. Le mie perplessità cominciano dal titolo, plurale, che implica che esistano più tipi di quarantene. In attesa del decreto-legge, che mi auguro sia più chiaro, provate anche voi a capire quanti tipi di quarantene sono previsti e come si differenzino:

Il decreto prevede che la quarantena precauzionale non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo.

Fino al decimo giorno successivo all'ultima esposizione al caso, ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 e di effettuare - solo qualora sintomatici - un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso.

Infine, si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza sopradescritta consegua all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati; in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.

Alcune domande a cui non ho risposta: cosa distingue la quarantena precauzionale (che non si applica) del primo capoverso dalla quarantena del terzo capoverso? Esistono anche altri tipi di quarantena? Dopo quanti giorni va effettuato il test per la cessazione della quarantena? L’auto-sorveglianza “sopradescritta” consiste solo nella verifica di eventuali sintomi il quinto giorno dall’esposizione (secondo capoverso) o altro? In caso di test positivo al quinto giorno, come si procede? Chi determina e quanto dura il periodo di auto-sorveglianza? Se all’Asl va comunicato l’esito del test, si suppone che vada comunicato anche l’inizio di quarantena e di auto-sorveglianza, ma come? Chi controlla che le indicazioni vengano rispettate?

Che senso ha pubblicare un testo che crea confusione e spinge a interpretazioni e supposizioni che possono essere anche piuttosto diverse tra loro, come si può già vedere nelle notizie uscite in queste ore? Non sarebbe preferibile annunciare il decreto anticipando le aree tematiche ma evitando dettagli se non si è in grado di comunicarli senza ambiguità? Se invece le informazioni fossero già disponibili altrove, perché non aggiungere i collegamenti necessari?

E le definizioni?

Purtroppo un problema ricorrente nelle comunicazioni istituzionali è la mancanza di definizioni facilmente reperibili e aggiornate che identifichino chiaramente ciascun nuovo concetto e lo differenzino dai concetti esistenti.

In questo caso l’unica pagina rilevante è Cosa sapere su test, tracciamento, quarantena del Ministero della Salute, che riporta come data di ultima verifica il 30 novembre 2021:

Quarantena e isolamento sono importanti misure di salute pubblica attuate per evitare l’insorgenza di ulteriori casi secondari dovuti a trasmissione di SARS-CoV-2 e per evitare di sovraccaricare il sistema ospedaliero.

La quarantena si attua ad una persona sana (contatto stretto) che è stata esposta ad un caso COVID-19, con l’obiettivo di monitorare i sintomi e assicurare l’identificazione precoce dei casi.

L’isolamento consiste nel separare quanto più possibile le persone affette da COVID-19 da quelle sane al fine di prevenire la diffusione dell’infezione, durante il periodo di trasmissibilità.

La sorveglianza attiva è una misura durante la quale l'operatore di sanità pubblica provvede a contattare quotidianamente, per avere notizie sulle condizioni di salute, la persona in sorveglianza.

Si può vedere che viene identificato genericamente un unico tipo di quarantena, e questo non consente di spiegare il plurale Quarantene del comunicato stampa. 

Il concetto di sorveglianza attiva descrive una misura attuata dalla sanità pubblica, e quindi non è facilmente correlabile a quello di auto-sorveglianza che invece spetta ai singoli cittadini. Non è chiaro se la sorveglianza attiva sia una delle tre diverse opzioni per chi è entrato in contatto con un positivo, e quindi escluda quarantena e isolamento, oppure se vi si sovrapponga. Non si capisce neppure che relazione ci sia tra sorveglianza attiva e sorveglianza sanitaria, materia del decreto legge, e auto-sorveglianza: cos’hanno in comune e quali sono invece le caratteristiche distintive di ciascuno di questi tipi di sorveglianza?

Nella stessa pagina si trovano anche informazioni dettagliate su cosa fare in caso di contatto con positivi e in caso di test positivi, con indicazioni sulla durata dei periodi di quarantena e isolamento. Le informazioni però sono ferme alla variante Beta

Domande sul sito del Ministero della Salute: Sono un caso positivo a lungo termine di variante non Beta, ho avuto sintomi, cosa devo fare?    Sono un caso positivo a lungo termine di variante Beta, cosa devo fare?    Ho completato il ciclo vaccinale ma ho avuto un contatto a rischio, cosa devo fare?    Non ho completato il ciclo vaccinale, ho avuto un contatto a rischio ma non ho sintomi, cosa devo fare?    Sono un operatore sanitario e ho completato il ciclo vaccinale, ma ho avuto un contatto a rischio, cosa devo fare?    Non ho completato il ciclo vaccinale, ho avuto un contatto con un caso COVID-19 da variante Beta, cosa devo fare?    Cosa bisogna fare al termine della quarantena per rientrare al lavoro?

Per ulteriori dettagli c’è un rimando alla Circolare 11 agosto 2021, con tabelle molto dettagliate sulle modalità di quarantena e isolamento, ma anche queste fanno riferimento solo alla variante Beta. Dalla circolare si scopre però che la quarantena non si applica mai agli operatori sanitari contatti stretti (alto rischio) di casi COVID-19 perché per loro è sufficiente la sorveglianza sanitaria attiva anche se non hanno completato il ciclo vaccinale.

Tornando invece al termine quarantena precauzionale, per trovarlo si deve fare riferimento ai decreti legge emanati durante l’emergenza pandemica. La prima occorrenza è nel D.L. del 25 marzo 2020, n. 19, Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, ma né qui né nei decreti successivi viene fornita alcuna definizione utile. Inoltre, nel confronto tra testi legislativi, comunicati e siti si notano molte incongruenze terminologiche. Davvero sconsolante!
..

In questi anni mi sono lamentata spesso della mancanza di una cultura terminologica nelle istituzioni e questo è l’ennesimo esempio. È una lacuna che si manifesta anche come scarsa attenzione alla comunicazione pubblica e, a tutti gli effetti, mancanza di rispetto per i cittadini che in una situazione di emergenza dovrebbero invece essere informati nella maniera più efficace e comprensibile possibile e avere a disposizione risorse aggiornate, affidabili e reperibili facilmente che consentano di chiarire subito ogni dubbio.


Vedi anche:

Nuovo green pass: super o rafforzato?
Dosi “booster”, aggiuntive e addizionali
Anglicismi a caso: l’open day negli hub è sold out
Promemoria: immunizzato ≠ vaccinato

 

Tag: ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

3 commenti a “Quanti dubbi su “quarantena o auto-sorveglianza”!”

  1. 5 gennaio 2022 16:13

    John Dunn:

    Se ho capito bene (che non mi sembra molto probabile), nella nuova, aggiornata terminologia degli ultimi decreti ci sono almeno due, e forse tri diversi tipi di quarantena:
    1. La quarantena precauzionale, che si applica (ma solo in certi casi) a chi ha avuto contatti stretti con persone confermate positive.
    2. La quarantena (senza aggettivo), che si applica a persone confermate positive. Ma qui possono esserci diversi tipi di quarantena, uno per chi ha completato il ciclo vaccinale e uno per gli altri.
    Ma ciò nonostante l’uso della parola ‘quarantena’ nel plurale mi pare linguisticamente strano.

    Sulla confusione sono pienamente d’accordo. Adesso devo rimanere chiuso in case non quanto per paura della malattia, tanto perché non capisco per niente le nuove regole.

  2. 5 gennaio 2022 16:14

    John Dunn:

    P.S. Buon anno e auguri!

  3. 10 gennaio 2022 07:00

    Licia:

    @John, questa vignetta americana di John Deering, CDC Covid Guidelines 2022, mi sembra molto adatta anche come sintesi delle disposizioni previste dal governo italiano:

    quadro astratto con l'etichetta “CDC COVID GUIDELINES 2022”

Commenti: