Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Traduzioni letterali: privilegio esecutivo

Ho presto spunto da questo tweet di @antrebaud per aggiornare Executive order ≠ ordine esecutivo con alcune considerazioni sul concetto di executive privilege che riporto anche qui.

Executive privilege è la prerogativa concessa al presidente degli Stati Uniti, come capo del potere esecutivo e nell’interesse pubblico, di non rivelare determinate informazioni e comunicazioni intercorse con altri appartenenti dell’esecutivo nel caso venissero richieste del potere legislativo (il Congresso) o dal potere giudiziario (le corti).

Negli Stati Uniti ultimamente se ne sta discutendo molto perché l’executive privilege è stato invocato dall’ex presidente Donald Trump per le richieste della commissione di inchiesta sull’attacco al Congresso del 6 gennaio 2021.

Trump asserisce di averne ancora diritto e che riguardi anche le comunicazioni con l’ex stratega Steve Bannon, che però all’epoca non faceva parte dell’esecutivo.

Lawyers representing Bannon argue that all communications with former President Donald Trump are protected because of executive privilege. 

I media italiani che riportano gli sviluppi della vicenda ricorrono alla traduzione letterale privilegio esecutivo, che però risulta ambigua e poco trasparente. Come già descritto per executive order, in italiano associamo all’aggettivo esecutivo le accezioni “che dà facoltà di eseguire” o “che può o deve essere messo in esecuzione”, che però non è quanto si intende in inglese: si tratta invece di una prerogativa “che riguarda il potere esecutivo”.

Anche in questo caso credo sarebbe preferibile mantenere la locuzione inglese con una spiegazione, o comunque ricorrere a espressioni come privilegio del presidente oppure privilegio dell’esecutivo. Se non vien chiarito, diventa difficile capire di cosa si tratti, come in questo esempio di una notizia del 15 novembre 2021:

WASHINGTON - Steve Bannon, l’ex stratega di Donald Trump, si è consegnato negli uffici dell’Fbi di Washington ed è stato arrestato dopo essere stato incriminato venerdì scorso per oltraggio al Congresso per aver negato la sua collaborazione alla commissione della Camera che sta indagando sull’assalto a Capitol Hill del 6 gennaio scorso. Oggi è attesa la sua comparizione in tribunale. Due i capi di imputazione, uno per non aver testimoniato e l’altro per non aver consegnato i documenti richiesti, invocando il fatto che Trump ha invocato il privilegio esecutivo sugli atti della sua presidenza.

Vedi anche: Executive order ≠ ordine esecutivo


Per saperne di più: Donald Trump’s Outrageous Reading of Executive Privilege Can’t Save Steve BannonThe New Yorker


Tag: ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Commenti: