Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Attacchi di cuore

Titoli della stessa notizia in inglese e italiano sulla salute dell’attore americano Bob Odenkirk:

Titolo inglese: Bob Odenkirk says he had a small heart attack, will be back. Titoli italiani: 1 Bob Odenkirk dall’ospedale: “Ho avuto un piccolo attacco di cuore”: 2 Bob Odenkirk: “Ho avuto un piccolo attacco di cuore, ma tornerò presto”

In italiano si capisce correttamente cosa è successo ma ritengo che la traduzione sia inadeguata perché non tiene conto di alcune importanti differenze tra italiano e inglese quando si discute di problemi di salute.

Ne è un esempio proprio la locuzione heart attack, che ha un corrispondente italiano in attacco di cuore solo in registri familiari o molto informali, oppure in contesti incolti o se l’uso è figurato, ma che risulta incongrua in altri registri.

È evidente se si confrontano i titoli sull’attore americano e quelli, apparsi lo stesso giorno, per lo stesso tipo di malore del cantante italiano Gaetano Curreri:

titolo: Gaetano Curreri in terapia intensiva, il bassista degli Stadio: «Ha avuto un infarto. Abbiamo avuto paura, ma ora sta meglio»

Sia il cantante che l’attore americano sono finiti in ospedale per un infarto. È la forma abbreviata del termine medico infarto miocardico / del miocardio (esistono altri tipi di infarto) ed è una parola ad alto uso che da tempo fa parte del lessico comune: è nota alla maggioranza dei parlanti adulti, anche i meno istruiti.

Un giornalista dovrebbe essere consapevole che che nella situazione comunicativa “resoconto sulla condizione di salute di persona nota” ci si aspetta che venga usato infarto e non attacco di cuore. È una questione di registro, l’insieme delle modalità espressive e delle connotazioni stilistiche appropriate a un dato livello o a una data situazione comunicativa.

Differenze tra italiano e inglese

In inglese invece è improbabile che nei media generalisti o in una conversazione generica venga usato il termine medico myocardial infarction. in inglese, infatti, per alcune parti del corpo e alcuni disturbi comuni succede che vengano usate parole diverse a seconda che si tratti di lessico comune o specialistico, mentre in italiano non differenziamo: in Terminologia medica inglese e italiana ho fatto vari esempi, come otitis (ambito medico e veterinario) vs ear infection (lessico comune), che noi invece chiamiamo sempre otite.

Chi traduce frettolosamente notizie dall’inglese non sempre coglie la differenza, come in questo esempio pre-Covid:

titolo: India, il Dalai Lama dimesso dall’ospedale dopo un’infezione polmonare

Infezione polmonare può sembrare un problema poco comune per il quale non c’è una diagnosi precisa, e invece è la traduzione letterale di chest infection che in inglese è la bronchite (in alcuni casi però potrebbe essere anche polmonite).

Un altro errore tipico è tradurre heart failure con arresto cardiaco anziché insufficienza cardiaca. Altri dettagli in Terminologia medica inglese e italiana


Vedi anche:

Il calciatore danese “resuscitato”
Etimologia di stent e doppi eponimi
Nota sul registro: la bua di Matteo Berrettini

Tag:

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Commenti: