Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Lamburde e brindilli

Se non le conoscete già, a cosa vi fanno pensare le parole lamburda e brindillo?

A me a Jabberwocky di Lewis Carrol da Through the Looking-Glass, and What Alice Found There, probabilmente la poesia nonsense più famosa della letteratura di lingua inglese. Le prime strofe: 

Prime strofe della poesia Jabberwocky: 'Twas brillig, and the slithy toves did gyre and gimble in the wabe; All mimsy were the borogoves, And the mome raths outgrabe. Beware the Jabberwock, my son! The jaws that bite, the claws that catch! Beware the Jubjub bird, and shun The frumious Bandersnatch!

La principale peculiarità della poesia è il numero di parole inventate ma del tutto verosimili nell’aspetto e nella pronuncia. Rispettano perfettamente la metrica del testo e la storia sembra avere significato anche se le parole sono sconosciute. 

In italiano la poesia non è immediatamente riconoscibile come in inglese, anche perché non c’è un’unica traduzione ma parecchie versioni, ciascuna con strategie di traduzione diverse che privilegiano aspetti diversi del testo originale: si possono confrontare le prime strofe grazie alla voce Jabberwocky di Wikipedia, dove ne sono state raccolte dodici.

Brindillo e lamburda

Quando ho visto per la prima volta le parole brindillo e lamburda mi hanno incuriosita molto: sono buffe, hanno l’aspetto di parole di altri tempi, non si riesce a indovinarne il significato, viene voglia di pronunciarle a voce alta.

Mi hanno fatto pensare a Jabberwocky perché sono il tipo di parole che mi aspetterei di trovare in una traduzione italiana dei versi di Carroll. Brindillo e lamburda possono sembrare parole inventate per la poesia, ideate per attirare l’attenzione, e invece fanno parte della terminologia della botanica e della frutticultura.

Immagine con ramo misto (con gemme a legno) e brindillo

Il brindillo è il “ramo fruttifero, sottile, flessibile, provvisto di gemme piccole, eccetto l’apicale che è una gemma a frutto”. La parola è un calco del francese brindille.

Immagine con lamburde e borsa

Anche lamburda è un calco, dal francese lambourde. Identifica un “rametto tipico delle Pomacee che termina con una spina (lamburda spinosa), una gemma a legno (lamburda vegetativa) o una gemma mista (lamburda fiorifera)”.

Brindillo e lamburda rappresentano concetti molto concreti ma mi piace comunque continuare a immaginarle come parole fantasiose che potrebbero raccontare una storia particolare.


Molte delle invenzioni lessicali in Jabberwocky sono parole macedonia, in inglese note anche come portmanteau words. È un’espressione coniata da Carroll per la poesia: la usa Humpty Dumpty per spiegare ad Alice come interpretare le parole misteriose (alcune delle quali sono poi entrate nel lessico inglese, cfr. The Frabjous Words Invented By Lewis Carroll).

Vedi anche: “portmantologist”, parola da salvare per alcune differenze nella formazione delle parole macedonia inglesi e italiane. 


Illustrazioni da Le parti del melo, definizioni dal Vocabolario Zingarelli.

Tag:

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

3 commenti a “Lamburde e brindilli”

  1. 7 aprile 2021 08:45

    Marco Boccaccio:

    Poi c’è il Lonfo, che non vaterca né gluisce.

  2. 7 aprile 2021 10:24

    Martina:

    Un articolo molto carino, quasi accumuna la necessità di botanici e di molti scrittori di inventarsi parole. Molti scrittori tradizionalmente lo fanno sia per il genere -fantastico, fantascienza, fantasy, ecc., Tolkien si inventò un’intera lingua provvista di grammatica e sintassi- sia perché a molti scrittori l’apparato terminologico della lingua in cui scrivono sta spesso molto stretto. Molti di questi termini (a “snarky” comment) sono ormai talmente nel lessico comune che ce ne dimentichiamo (e Netflix si è pure appropriata di Bandersnatch).
    In un precedente commento ti avevo scritto che non mi piacciono i neologismi “gratutiti” collegati all’inglese-americano e ai social media. Avevo precisato, e lo ribadisco, che non mi riferivo ai neologismi letterari, che invece sono arte e dichiarazione di maestria di uno scrittore/poeta di plasmare la lingua a suo piacimento. Per quanto riguarda la botanica, ammetto la mia ignoranza, ma vogliamo parlare di quello che hanno combinato gli ornitologi anglofoni? 😉

  3. 7 aprile 2021 10:35

    Morgaine:

    Quando ho letto il titolo del post ho pensato alla Gnosi delle fanfole di Fosco Maraini, un libro incantevole fatto prevalentmente di parole inventate.
    E questo per dire che sono sembrate inentate anche a me.

Commenti: