Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Poffarbacco, è di princisbecco!

foto di statuine dorate

Peccato che siano ormai diventate desuete alcune parole che sono divertenti da dire e che hanno anche origini particolari, come poffarbacco e princisbecco.

Poffarbacco

L’esclamazione scherzosa di meraviglia o di stupore poffarbacco (o pofferbacco) è formata dall’interiezione poffare + Bacco. Come spiega il Vocabolario Treccani, poffare deriva da può e fare e in origine era seguita da Dio, da cui poffardìo, con il senso di può fare Dio [che sia così]?, è mai possibile? Alcuni vocabolari riportano anche locuzioni ormai obsolete come poffare Iddio, poffare il Cielo e poffare il mondo, che a me fanno inevitabilmente pensare al lessico degli strani ometti blu*.

Princisbecco

Un’altra parola sempre meno usata è princisbecco, una lega di rame, zinco e stagno di aspetto simile all’oro che ha dato origine all’espressione figurata di princisbecco. Si dice di di cosa che è falsa, non autentica, ma anche di cosa apparentemente di bell’aspetto ma in realtà senza valore (o anche di persona che si presenta bene ma non ha alcuna qualità). Non è tutto oro quel che luccica!

In Toscana l’espressione scherzosa restare o rimanere di princisbecco equivale invece a rimanere di stucco, senza parole, sbalordito. È un po’ anche l’effetto che può fare l’origine della parola: un insospettabile anglicismo che risale al XVIII secolo.

Princisbecco è infatti un adattamento della parola inglese pinchbeck, a sua volta un eponimo: la lega prende il nome dall’orologiaio Christopher Pinchbeck (1670-1732) che l’aveva inventata. Anche in inglese pinchbeck è stato usato in senso figurato come aggettivo con il senso di prezioso solo in apparenza ma in realtà pacchiano, dozzinale. All that glitters is not gold!

.
Vedi anche: Ortografia italiana e prestiti dall’inglese, sulle italianizzazioni delle parole inglesi come beefsteak bistecca e jungle ➝  giungla che un tempo erano la norma mentre ora sono prevalenti i prestiti non integrati.


A proposito di ometti blu e di puffare, il primo nome italiano Strunfi e il verbo strunfare erano un adattamento che meglio riproduceva il nome originale francese Schtroumpfs, come descritto in Puffo, un nome anomalo (anche per Eco).


I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

3 commenti a “Poffarbacco, è di princisbecco!”

  1. 16 dicembre 2020 19:17

    Flavia:

    I Puffi sono degli esserini davvero bizzarri, buffi proprio: era facile pensarci.
    Di tutte le denominazioni di fantasia che sono state date ai Puffi a me sembra che si distacchi nettamente il nome tradizionale catalano Barrufet/Patufet (e Pitufo dello spagnolo), che indicava il folletto o lo gnomo: https://ca.wikipedia.org/wiki/Els_barrufets

  2. 19 dicembre 2020 11:00

    FF:

    A proposito di ‘poffare’, noi di una certa età abbiamo imparato questa parola fin da piccoli, negli anni ’60, col Carosello della Pavesi di ‘Re Artù e i cavalieri della Tavola Rotonda’, in cui il Re, spazientito per l’assenza di Lancillotto escalamava: “Po-popo-popo-poffare! Presto, andatelo a cercare!”

  3. 31 dicembre 2020 18:40

    giauz:

    E rimanendo in ambito medioevale il film Disney La spada nella roccia: POFFARBACCO!!

Commenti: