Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Relooking, uno pseudoanglicismo

Esempi di titoli: 1 Progettazione e arredamento, il relooking la nuova alternativa low cost all’interior design; 2 il trilocale cambia volto con un relooking smart; 3 Stylist in valigia: relooking soft per la camera della teenager; 4 Relooking accessibili per facilità e budget in total white

Nelle riviste di arredamento destinate a chi vive in case di piccole e medie dimensioni è ricorrente la parola relooking, il “rifacimento del look” di una o più stanze che avviene sostituendo l’arredamento o cambiando la disposizione dei mobili esistenti, gli accessori e i colori delle pareti*, senza però fare alcun intervento su murature e impianti come in caso di ristrutturazione.

Meno chiaro invece come si differenzi il relooking dal restyling, il rinnovamento degli ambienti dell’intera abitazione che per alcuni è associato alla ristrutturazione e per altri invece a interventi meno radicali di manutenzione straordinaria, ad es. l’adeguamento di impianti.

È invece una certezza che in inglese il sostantivo relooking non viene usato in contesti di arredamento e ha tutt’altro significato: il verbo relook vuol dire riesaminare o riconsiderare qualcosa.

Se si riarreda, riaggiorna o trasforma un ambiente, in inglese si usano verbi e/o sostantivi come redo, redecorate, restyle, spruce up, give a new look; interventi più impegnativi di ristrutturazione possono essere descritti con revamp, remodel, makeover, renovate, overhaul, refurbish ecc.

image

Sembra inglese ma è francese!

Relooking è quindi un esempio di pseudoanglicismo, peculiare perché è di origine francese: è formato dal verbo relooker, nato in Francia negli anni ‘80, da cui derivano anche le parole ibride relookage e relookeur.

Un altro pseudoanglicismo dell’arredamento di origine francese è living, parola onnipresente sulle riviste di arredamento e nella pubblicità ma che nessuno usa a casa propria: dettagli in Chi dice “nel mio living”? e commenti.


* pittura o carta da parati, che però nelle riviste ora si chiama rigorosamente wallpaper!

Vedi anche: 
Falsi amici in giro per l’Europa (altri pseudoanglicismi “made in France”)
Una casa shabby al punto giusto… (altri anglicismi superflui nell’arredamento)


I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Un commento a “Relooking, uno pseudoanglicismo”

  1. 16 dicembre 2019 16:13

    John Dunn:

    A mio parere, ma anche secondo il Chambers Dictionary, il verbo ‘relook’ non esiste in inglese.

Commenti: