Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Solo in Italia il 26/5 è “giorno di Election Day”

Che informazioni sulle conoscenze dell’inglese in Italia si possono ricavare da questa notizia, in particolare dalla frase è giorno di Election Day?

Notizia del 25 maggio 2019 dal sito della RAI: L’Election Day degli italiani: al voto per europee e amministrative. Domenica 26 maggio è giorno di Election Day: si vota per le Europee, ma anche per eleggere oltre 3.800 sindaci e il presidente della Regione Piemonte.

Election day in inglese

In inglese election day, con iniziali minuscole, vuol dire genericamente giornata di consultazione elettorale, quindi giorno in cui si vota (in inglese britannico polling day).

Negli Stati Uniti Election Day, con iniziali maiuscole, indica unicamente il martedì dopo il primo lunedì di novembre in cui si svolgono elezioni nazionali e statali: negli anni pari si vota per eleggere il presidente degli Stati Uniti (ogni 4 anni) e i parlamentari del Congresso (ogni 2 anni per la camera, ogni 6 per il senato), mentre negli anni dispari si eleggono governatori e parlamentari per i singoli stati.

L’Election Day degli italiani

Con queste premesse, non è del tutto chiaro perché in Italia si sia scelto di chiamare election day qualsiasi giornata, in qualsiasi periodo dell’anno, in cui si programmano più consultazioni elettorali contemporaneamente.

Presumo che il modello sia la locuzione americana, a cui però è stata attribuita un’accezione inesistente in inglese. Classificherei quindi election day come uno pseudoanglicismo che ha un significato proprio, usato solo dagli italiani: ne è una conferma la frase è giorno di Election Day, che non avrebbe molto senso tradotta in inglese!  

Il Vocabolario Zingarelli marca election day come linguaggio giornalistico e indica che è in uso dal 1992; in seguito l’espressione è stata adottata anche dalla politica e dalle istituzioni. Nell’archivio del Ministero dell’Interno, ad esempio, si trovano varie occorrenze, come questa del 2008:

Esempio del 26  marzo 2008 dal sito del Ministero dell’Interno:   “Informati al voto”: tutte le risposte ai quesiti del cittadino sull’Election day. La normativa, le modalità di voto, i modelli delle schede elettorali e ciò che è utile conoscere sulle procedure per il rinnovo della Camera e del Senato, dei Presidenti di provincia e dei Consigli provinciali, dei Sindaci e dei Consigli comunali

Inizialmente veniva preferita la grafia election day, poi si è passati ad Election day e ora si notano sempre più occorrenze di maiuscole in entrambe le parole, un uso ingiustificato perché non si tratta di un nome proprio. Esempio del 2019 dal sito del Ministero dell’Interno:

L’App per seguire le prossime elezioni è online. È stato rilasciato l’aggiornamento di Eligendo mobile, l’App con cui sarà possibile seguire in tempo reale i dati sull’affluenza e gli scrutini, forniti dal Ministero dell’Interno, relativamente all’Election Day del 26 maggio 2019.
(anche la grafia App è un caso di Maiuscolite, cfr.Ortografia ministeriale)

Sapete già come la penso: trovo inopportuno che le istituzioni ricorrano a parole del lessico comune di un’altra lingua, oltretutto usate impropriamente, anziché privilegiare parole e terminologia italiana come ad esempio giornata elettorale. Inoltre, come è spesso il caso dell’abuso di itanglese, l’immagine delle conoscenze dell’inglese che se ne ricava non è molto positiva.

Altri esempi e considerazioni in Elenco di anglicismi istituzionali.


A proposito di elezioni e anglicismi: nei media c’è chi non ha ancora imparato a scrivere correttamente exit poll. Dettagli (e pronuncia inglese, diversa da quella italiana!) in I problemi degli exit pool / pole.


Tag: , , ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Commenti: