Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Brexit, brexiting e #BrexitShambles

Oggi 29 marzo 2019 è Brexit Day, il giorno in cui sarebbe dovuta avvenire l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, ma al momento non si sa ancora esattamente quando avverrà.

Il verbo brexit

Intanto è diventata virale questa definizione di brexiting:

Brexiting, verb: 1) telling everyone at the party that you are leaving, but actually staying. Example: Theresa is at the party, brexiting near the fridge for over an hour now.

“A una festa, dire a tutti che si sta per andare via ma invece trattenersi” è un’accezione divertente che però probabilmente ha origine in altre lingue (dettagli più sotto).

Serve anche a ricordare che il verbo brexit non è una novità: si usava già prima del referendum del 23 giugno 2016 con un significato inizialmente solo letterale, descritto in Brexit, Bremain e la crasi dei media italiani.

Dopo il voto si sono diffusi nuovi usi metaforici del verbo brexit, quasi sempre ironici, ad es. in questo tweet di luglio 2016 ha il significato di “causare il caos e darsi alla fuga in preda al panico”:

tweet di @TechnicallyRon: Brexit (br•exit) - verb To cause chaos and flee in panic E.g “He threw a bees nest into an old age home and brexited into the distance” 

Aggiungo una vignetta più recente in cui il verbo brexit è reinterpretato come sinonimo del più volgare fuck something up, e cioè rovinare, disastrare, incasinare terribilmente, mandare a puttane.

dialogo tra figure umane stilizzate: 1 “Sorry, I just brexited your tea” 2 “You massive Theresa May”

Il verbo brexit in altre lingue

Il fenomeno non riguarda solo l’inglese ma anche altre lingue: a quanto pare l’accezione che è diventata virale in questi giorni è in uso da tempo nel linguaggio informale in russo e in polacco (brexicić), anche con il significato più generico di non voler più fare qualcosa che si era promesso di fare [aggiornamento: o forse no, cfr. commenti qui sotto]. Stessa accezione in slovacco e in ceco, con il significato aggiuntivo di inguaiare e rovinare clamorosamente.

Il verbo brex

In inglese, seppur meno comune, è in uso anche il verbo brex. È un esempio di accorciamento (clipping) che si ritrova in espressioni come Brexing Day e giochi di parole in cui sostituisce break, ad es. the UK is brexing down (cfr. breaking down: sgretolarsi, andare in pezzi, perdere il controllo) e don’t go brexin’ my heart che richiama una nota canzone.

It's Brexing Day tomorrow and I'm already looking forward to the left over gammon sandwiches
(sul significato di gammon: 2018, anno di plogging, floss, gaslighting…)

#BrexitShambles

Sui social battute e vignette sono spesso condivise con l’hashtag  #BrexitShambles. La parola informale shambles indica un caos totale, un gran casino, ed è usata come sostantivo singolare (ad es. it’s a shambles!). FOREVER BREXIT

Vignetta: Martin Sutovec

Le parole della Brexit

Se la Brexit è un disastro dal punto di vista politico, economico e sociale, da quello lessicale invece è un esempio di parola estremamente efficace e produttiva, fin dall’inizio: esempi in Da Brexit a regrexit, è wrexit. E poi nexit? (e commenti, con  molte neoformazioni tra cui Catalexit, Italexit, bregret, brexodus, brexpert, brexistential crisis…) e un’analisi dei meccanismi lessicali e semantici in Brexit, parola del XXI secolo, un mio articolo per il Portale Treccani.

Ho descritto vari modi di dire e metafore legati alla Brexit, tra cui cherry picking e have your cake and eat it e il neologismo cakeism, in Brexit: né uvetta né ciliegie né torta per gli inglesi; le nuove accezioni gammon e backstop sono invece descritte qui.

Altri riferimenti figurati e culturali in Cliff-edge Brexit e altri metaforici precipizi e in L’accordo sulla Brexit ha fatto una brutta fine… (esempio del pappagallo morto).

Una nota sull’uso del nome Brexit in italiano, da preferire con l’articolo determinativo, in Contro Brexit, a favore della Brexit. Aggiungo anche che la nostra pronuncia /ˈbrɛksɪt/ è una delle due varianti usate in inglese, descritte qui.

Infine, per chi si domanda se ci saranno conseguenze sulle lingue in uso nelle istituzioni europee: Brexit: la sorte dell’inglese lingua ufficiale UE.

That’t all. folks vignetta delle scarpe leopardate di Theresa May davanti a 10 Downing Street)
Vignetta: Paul Thomas

Nuovo post: Brexit, è caos totale (altri modi di dire)

Tag: , ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

4 commenti a “Brexit, brexiting e #BrexitShambles”

  1. 8 aprile 2019 16:36

    John Dunn:

    Il tweet di Stefan Simanowitz sembra una bufala e i presunti verbi risultano inesistenti in russo e polacco. Solo che qualcuno a tradotto in russo lo scherzo originale, ma il verbo così creato non è sé stesso che una forma scherzosa. Cercando su Google brexicić, ho trovato riferimenti solo al tweet del signore Stefanowitz (e a Terminologia!).

  2. 8 aprile 2019 16:52

    Licia:

    @John, grazie per la precisazione. Non so il russo ma pensavo i riferimenti usati fossero affidabili, visto che in alcuni casi si tratta anche di docenti universitari. Su Twitter comunque si trovano molti altri riferimenti se si fa una ricerca del tipo brexit verb Russian, anche di persone con nome russo che riportano la parola in caratteri cirillici (a questo punto, probabilmente interessate a diffondere lo scherzo?).

  3. 10 aprile 2019 18:08

    John Dunn:

    @Licia:
    Grazie. Non uso Twitter, ma ho trovato una spiegazione qui:
    https://www.themoscowtimes.com/2019/01/18/no-brexit-for-russia-a64199
    Michele A. Berdy è una persone competentissima e totalmente affidabile.

  4. 11 aprile 2019 15:27

    Licia:

    @John perlomeno avevo scritto a quanto pare! 😀 Ho aggiunto una nota di aggiornamento che rimanda ai commenti.

Commenti: