Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Techlash e altre parole “tossiche” del 2018

toxic 2018

Toxic, parola dell’anno in inglese

Anche Oxford Living Dictionaries* ha annunciato la propria parola dell’anno per il 2018: è l’aggettivo toxic. È stata scelta perché è aumentata la frequenza d’uso sia nel significato primario di velenoso (toxic substance, toxic environment, toxic chemical…) che in accezioni figurate più recenti in collocazioni come toxic masculinity, toxic relationship, toxic culture.

C’è un uso simile anche in italiano, simile all’uso metaforico di avvelenato: probabilmente per interferenza dell’inglese, sono sempre più diffuse locuzioni come relazione tossica, sentimenti tossici, amicizia tossica (che fanno stare male, che rovinano la vita – nulla a che vedere con le sostanze stupefacenti).

Altre parole del 2018

Hanno connotazioni poco positive anche le altre parole scelte da Oxford Dictionaries tra quelle più rappresentative del 2018:

gaslighting, incel, techlash, gammon, Big Dick Energy, cakeism, orbiting

Incel

La parola macedonia incel deriva da involuntarily celibate. Identifica maschi giovani che loro malgrado non hanno alcuna vita sessuale e covano un tale risentimento verso chi invece ce l’ha che possono arrivare a uccidere, come è successo a Toronto nell’aprile 2018.

Techlash

La parola techlash è una reazione negativa intensa e diffusa suscitata dal potere crescente delle grandi aziende tecnologiche, in particolare quelle associate alla Silicon Valley.

Il neologismo è stato coniato nel 2013 da The Economist ma ha avuto una grande diffusione nei media solo ultimamente. È stato usato in relazione agli scandali che hanno colpito Facebook, Google e altri giganti informatici, cambiandone la percezione nell’opinione pubblica: inevitabili le reazioni negative quando sono state svelate le pratiche di diffusione di notizie false (“fake news”), di manipolazione dell’opinione pubblica e di gestione sconsiderata dei dati personali.

Esempi di titoli: The coming tech-lash; The techlash against Amazon, Facebook and Google – and what they can do; Internet firms face a global techlash; Can Netflix please investors and still avoid the techlash?; The techlash is coming.

La parola techlash è modellata su backlash, letteralmente un contraccolpo. Nell’uso figurato, che è quello prevalente, backlash è una controreazione collettiva negativa, in genere dell’opinione pubblica, su questioni politiche o sociali che hanno avuto un’evoluzione recente.

Big Dick Energy 

Probabilmente destinata a rimanere un occasionalismo, Big Dick Energy (BDE) è un’espressione diventata virale dopo un tweet della cantante Ariana Grande. Si dice di persone carismatiche e molto sicure di sé ma non arroganti, che è impossibile ignorare perché emanano un’aura particolare (come suggerisce il nome, se sono uomini si presume siano anche molto dotati). 

Cakeism

Neologismo esclusivamente britannico, cakeism è l’aspettativa di poter ottenere molto di più di quanto è realisticamente possibile o di poter usufruire di alternative egualmente desiderabili ma mutualmente esclusive. L’ho già descritto in Brexit: niente uvetta né ciliegie per gli inglesi: nasce da una frase ricorrente dell’ex ministro Boris Johnson, my policy on cake is pro having it and pro eating it.

Theresa May vestita da Maria Antonietta dice Let us eat cake! (sullo sfondo una ghigliottina con la bandiera UE)  Didascalia: Brexit Strategy
Vignetta di Dave Brown; cfr. anche Ghigliottine, (pan) brioche e torte

Overtourism

Con overtourism si intende la presenza eccessiva di turisti (pressione turistica) in località famose che ha come conseguenza danni ai monumenti e all’ambiente e disagi per i residenti. Cfr. turismofobia.

Orbiting 

Orbiting è il comportamento di chi pone fine a una relazione sentimentale interrompendo improvvisamente ogni tipo di comunicazione diretta e ogni interazione con l’altra persona ma continuando a seguirla sui social.

Il significato figurato di orbiting non coincide con quello di orbitare in italiano, che invece vuol dire gravitare, essere o muoversi nella sfera di influenza di realtà politiche o economiche (in questa accezione in inglese sono più comuni costruzioni con il sostantivo orbit, ad es. bring o draw into someone’s orbit). 

L’orbiting è diverso dal ghosting, comportamento con cui si scompare improvvisamente e definitivamente senza alcuna spiegazione, e dallo zombieing, con cui si scompare per poi riapparire dopo molto tempo, come se nulla fosse.
..

In 2018, anno di plogging, floss, gaslighting… ho già descritto gaslighting e gammon, due parole dell’anno scelte anche da Collins Dictionary.


* Nota: Oxford Living Dictionaries NON è l’illustre Oxford English Dictionary (OED), anche se la casa editrice è la stessa. Il primo descrive l’inglese contemporaneo e il suo uso (e pubblica le parole dell’anno), il secondo invece registra l’evoluzione della lingua ed è focalizzato sugli aspetti diacronici. Dettagli in What are the main differences between the OED and ODO?

Tag: , , ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Un commento a “Techlash e altre parole “tossiche” del 2018”

  1. 15 novembre 2018 17:56

    Flavia:

    Capisco la scelta dell’aggettivo ‘toxic’ per il 2018: descrive – con vari gradi di ‘tossicità’ – tutte le altre parole.

Commenti: