Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Paese che vai, mise en place che trovi

Ricerca per immagini in italiano di “mise en place”

Mise en place in italiano

In italiano il francesismo mise en place, letteralmente “messa sul posto”, è usato nell’ambito della ristorazione con il significato prevalente di allestimento o apparecchiatura formale della tavola: descrive la disposizione di biancheria, stoviglie, posate, bicchieri, accessori e decorazioni.

Mise en place in inglese

Anche in inglese (e in altre lingue) si usa il francesismo mise en place ma in un’altra accezione: nella ristorazione professionale indica la preparazione e disposizione metodica degli ingredienti necessari in cucina per uno specifico servizio, o anche l’insieme degli ingredienti predisposti.  

Ricerca per immagini in inglese di “mise en place”

Anche in italiano a volte viene usata l’accezione “inglese” e viceversa ma, come confermano le ricerche per immagini, in ciascuna lingua prevale un uso diverso e quindi si tratta di potenziali falsi amici.  

Equivalenze parziali

In francese la locuzione mise en place è più generica e nell’ambito della ristorazione può indicare qualsiasi attività preliminare che può facilitare un servizio o renderlo più efficiente, sia in cucina che in sala.

Le lingue che hanno adottato mise en place non hanno recepito tutti gli usi possibili del francese ma hanno operato prestiti parziali che hanno privilegiato caratteristiche diverse e conferito significati più specifici rispetto alla lingua di origine, un fenomeno che riguarda molti forestierismi.

Nel caso degli internazionalismi, a volte può succedere che nella traduzione si sottovalutino le possibili differenze tra lingue. Un esempio tipico è la parola patio, che in italiano, spagnolo e inglese designa concetti diversi, sintetizzati in il patio ≠ el patio ≠ the patio.


Vedi anche: Bar, barman e barista (inglese vs italiano)

Tag: ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

2 commenti a “Paese che vai, mise en place che trovi”

  1. 6 settembre 2018 09:20

    Mauro:

    Ho provato a fare la ricerca in tedesco e il risultato è che qui si usa la stessa accezione che in inglese.

  2. 7 settembre 2018 00:43

    Andrea:

    In francese è più ampio ancora, non si usa solo nella ristorazione (io insegno in Francia e anche nell’istruzione si usa molto): indica qualsiasi passaggio dalla teoria alla pratica, dall’ideale al concreto, in senso veramente lato

Commenti: