Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Foliage, nuovo nome per i colori autunnali?

foglie autunnali

Mi domando se siano molti gli italiani a cui l’espressione colori autunnali fa pensare a qualcosa di totalmente diverso dalle sfumature che assumono le foglie delle piante decidue in questa stagione. C’è davvero bisogno di una parola diversa che elimini ogni potenziale ambiguità?

Si direbbe di sì, perlomeno a giudicare dalla proliferazione dell’anglicismo foliage, sempre più diffuso nei media e tra chi promuove attività turistiche autunnali, come il treno del foliage. È un prestito giustificato o è l’ennesimo esempio di itanglese

 striscia sul business del foliage, prima parte 

striscia sul business del foliage, seconda parte
Vignette: Andrea Dalla Fontana e Olimpia Medici 

Foliage in inglese

Foliage non è una parola francese ma inglese, in uso dal XII secolo, che vuol dire genericamente fogliame (cfr. il francese feuillage, da cui deriva). Negli Stati Uniti e in Canada con foliage si intende in modo più specifico anche autumn / fall foliage, le foglie degli alberi nei loro colori autunnali.

È una parola che mi piace molto e che ho già descritto qualche anno fa in Foliage e ora solare, ma solo nel suo uso inglese.   

Foliage in italiano

foglia2La diffusione dell’anglicismo foliage è una moda recente, tanto che ci sono ancora parecchie incertezze sulla pronuncia: molti ignorano che in inglese si dice /ˈfəʊlɪɪdʒ/ o /ˈfoʊliɪdʒ/ e pronunciano anche la a (che invece è muta), altri optano per una pronuncia “alla francese”, forse confusi dall’aspetto della parola.    

Ho consultato i principali dizionari di italiano ma per ora solo il vocabolario Zingarelli include foliage, con questa definizione: “fenomeno autunnale consistente nel progressivo trascolorare dal giallo al rosso vinaccia delle foglie degli alberi, prima della loro caduta”.

Si discosta dal significato inglese di [fall] foliage, che riguarda l’aspetto delle foglie in un particolare momento ma non implica anche il loro processo di trasformazione. È però congruente con altre spiegazioni italiane in cui ricorrono parole quali cambiamento, variazione, viraggio, mutamento e appunto trasformazione, ed è una conferma che agli anglicismi vengono spesso attribuite accezioni particolari assenti in inglese.  

foglia rossa di aceroTrovo comunque insolito che la definizione dello Zingarelli specifichi che le foglie debbano diventare rosse, perché così esclude dal fenomeno gran parte delle nostre piante. In Europa in autunno predominano infatti gli alberi con le foglie gialle, invece le foglie rosse sono più comuni in America.

Anglicismo superfluo

Ritengo che foliage sia un anglicismo superfluo perché non riempie alcun vuoto lessicale o semantico ma invece mette in evidenza le conoscenze linguistiche superficiali di chi lo usa. Penso ad esempio a chi specifica foliage autunnale: tanto vale dire fogliame autunnale o foglie autunnali, che è anche più breve!

Non mancano inoltre gli esempi ridicoli, come il nome del festival organizzato nel Parco delle Foreste Casentinesi:

Autunno Slow - Festival del Fall Foliage e tradizionale Festa della Castagna

Chissà quanti tra gli abitanti del posto e i partecipanti alla tradizionale festa della castagna sarebbero [stati] in grado di spiegare e pronunciare correttamente fall foliage!
.

Vedi anche: Anglicismi: criteri di condotta (messi in pratica)
.

Tag: , ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

6 commenti a “Foliage, nuovo nome per i colori autunnali?”

  1. 13 novembre 2017 18:30

    Nautilus:

    “Foliage non è una parola francese ma inglese, in uso dal XII secolo”.

    L’OED ne sposta l’introduzione avanti di qualche secolo: mid-15c., “representation of leaves or branches” (as an ornamental design), from Middle French feuillage, from Old French feuille “leaf, foliage” (from PIE root *bhel- (3) “to thrive, bloom”). The form has altered 17c. by influence of Latin folium or its derivatives in English.

    Qual è la fonte che hai consultato tu?

  2. 13 novembre 2017 18:54

    Licia:

    @Nautilus, Oxford Dictionaries, che indica Middle English con cui convenzionalmente si intende il periodo di Chaucer. Comunque non mi pare che, secolo più o secolo meno, questo dettaglio sia in alcun modo influente sull’uso di foliage in italiano!

  3. 13 novembre 2017 19:12

    zop:

    Anche il Devoto Oli 2107 include l’anglicismo della pigmentazione autunnale. Ti copio la definizione:

    “sostantivo inglese (pronuncia indicata all’inglese).
    La variazione autunnale del colore delle foglie degli alberi dal verde al giallo e alle diverse gradazioni del rosso.
    ETIMO Dal fr. foliage ‘fogliame’
    DATA 2009”.

  4. 13 novembre 2017 19:25

    Licia:

    @zop, grazie! Vedo che variazione è un’ulteriore conferma della accezione differente di foliage nell’uso italiano e in quello inglese. Qui il riferimento al colore lascia più spazio all’interpretazione ma secondo me sarebbe stata preferibile una congiunzione disgiuntiva: dal verde al giallo o alle diverse gradazioni del rosso.

  5. 13 novembre 2017 19:52

    Nautilus:

    @ Licia

    Se vuoi evito di fare commenti per il futuro. Per me è abbastanza naturale verificare una fonte. In questo caso la mia finalità non era quella di smontare il post, ma di capire se sbaglio a considerare affidabile l’OED che uso spessissimo. Magari gli Oxford Dictionaries sono una fonte migliore. Questo però io non lo so.

  6. 13 novembre 2017 20:29

    Licia:

    @Nautilus: vedi Oxford Dictionaries FAQ, in particolare What’s the difference between the OED and the English site on oxforddictionaries.com?

Commenti: