Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Genere e uragani: Harvey, Irma e José

tweet con foto di Paolo Nespoli‏ (@astro_paolo): Un collage di #Irma dallo spazio: una solo foto non poteva contenere quello che è forse il più potente uragano mai registrato nell'Atlantico

Ho già descritto come distinguere cicloni, tifoni e uragani: si tratta dello stesso fenomeno atmosferico, il ciclone tropicale, che viene chiamato in modo diverso a seconda della regione (bacino geografico) in cui si verifica.

I nomi propri dei cicloni tropicali

Ai cicloni tropicali sono associati nomi di persona per motivi pratici: non sono ambigui e sono molto più facili da capire e memorizzare di numeri, codici o coordinate geografiche. Consentono di fare una comunicazione più efficace, che è fondamentale per allertare la popolazione nelle emergenze.

I nomi usati per ogni bacino geografico sono decisi dalla World Meteorological Organization e da altre organizzazioni che compilano e determinano l’uso di apposite liste.

nomi uragani 2017I nomi degli uragani atlantici

I nomi di persona dati agli uragani nei Caraibi, Golfo del Messico e oceano Atlantico settentrionale sono tratti da una di sei liste annuali di 21 nomi. Sono riciclate ogni sei anni e sono gestite dal National Hurricane Center statunitense.

I 21 nomi sono alternativamente maschili e femminili e in ordine alfabetico (sono escluse le iniziali Q, U, X, Y e Z, usate invece in altre liste). Se in un anno ci sono più di 21 uragani e viene esaurita la lista, i nomi aggiuntivi necessari vengono presi dall’alfabeto greco.

Nel 2017 finora Arlene, Bret, Cindy, Don, Emily, Franklin e Gert hanno preceduto Harvey, adesso c’è Irma e si sono già formati José e Katia.

Si può però già dare per scontato che fra sei anni, nel 2023, non riappariranno altri uragani Harvey o Irma. Se un ciclone tropicale causa morti e danni ingenti, infatti, il nome è considerato inappropriato, viene eliminato dalla lista e sostituito. Hanno fatto questa fine i famigerati Katrina e Sandy e gli altri elencati in Retired Atlantic Names by Year.

Questioni di genere (e di sessismo)  

Gli uragani hanno avuto nomi esclusivamente femminili fino al 1979, quando si è deciso di alternarli a nomi maschili.

cartello di punto di raccolta per evacuazione visto a Miami Beach: EMERGENCY EVACUATION BUS PICK-UP SITENei media americani è spesso citato uno studio del 2014 secondo il quale gli uragani con i nomi femminili causerebbero più morti e danni perché nelle zone soggette al fenomeno la gente dà minore importanza alle donne e così anche agli uragani “femminili”. Questo atteggiamento porterebbe a prendere meno sul serio gli avvertimenti e quindi farebbe affrontare l’emergenza impreparati.

Lo studio però si è rivelato inaffidabile, come ha spiegato il Washington Post in Revision: Female-named hurricanes are most likely not deadlier than male hurricanes.

Irmageddon

Aggiungo che l’uragano Irma è stato soprannominato Irmageddon. Si riconosce l’elemento suffissale –(ma)geddon, un libfix da armageddon usato per descrivere in modo iperbolico situazioni estreme e potenzialmente catastrofiche. C’è anche chi ha rispolverato frankenstorm, neologismo coniato nel 2012 per l’uragano Sandy e già descritto in Parole mostruose! 
.

Vedi anche:
♦  Cicloni, tifoni e uragani (differenze e origine del nomi)
♦  Il raggelante Spring Storm (riferimenti terminologici e cicloni extratropicali europei)
♦  Mascotte Expo 2015 e nomi internazionali (genere grammaticale e percezione)

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Un commento a “Genere e uragani: Harvey, Irma e José”

  1. 7 settembre 2017 11:42

    Nautilus:

    Lo studio in questione (e tutto quel che ne è seguito) rivela un aspetto fondamentale della scienza. In ambito scientifico – dove ovviamente gli errori ci sono e ci continueranno a essere – questi hanno breve durata; prima o poi se c’è una falla salterà fuori.
    Così, infatti, è stato anche in questo caso.
    Tra l’altro a ben guardare se si fosse seguito un processo di peer review meno superficiale (gli errori statistici commessi dagli autori sono piuttosto banali) quel pezzo non sarebbe nemmeno andato in pubblicazione.

Commenti: