Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Fischi e fischietti: wolf whistle vs dog whistle

Trump dog whistle

Questa vignetta americana è di un anno fa ma è tuttora attuale: in inglese l’espressione dog whistle è stata usata spesso in questi giorni a proposito delle parole di Donald Trump sulle manifestazioni violente di estrema destra a Charlottesville di sabato 12 agosto in cui è morta una donna.

Dog whistle è il fischietto di richiamo a ultrasuoni che solo i cani possono udire. In senso figurato in politica è quindi un messaggio “in codice” rivolto a chi ha orecchie per intendere, come i propri seguaci.

Il dog whistling di Trump su Charlottesville

Il giorno degli incidenti Trump ha condannato in modo generico odio, intolleranza e violenza (“hatred, bigotry and violence on many sides”). Non ha fatto alcun riferimento esplicito ai razzisti, nazionalisti bianchi e neonazisti in azione a Charlottesville, che quindi hanno recepito un messaggio rassicurante nei loro confronti. Molti hanno fatto notare che si trattava di un dog whistle, tra cui la BBC:

If, as Mr Trump's critics suggest, his statements following the Charlottesville incident were yet another “dog whistle” to white supremacists, there's evidence that the message was clearly heard. “Trump comments were good,” one poster on the neo-Nazi website The Daily Stormer wrote. “He didn't attack us. He just said the nation should come together.”

Dopo due giorni di forti pressioni, Trump ha fatto una dichiarazione più specifica ma con ulteriore dog whistling. È poi seguita la conferenza stampa del 15 agosto in cui ha difeso gli estremisti di destra “brava gente” e per questo è stato ringraziato dall’ex capo del Ku Klux Klan (KKK). I messaggi di Trump alla sua base da impliciti sono quindi diventati espliciti e c’è chi ha ironizzato che il dog whistle si è trasformato in bullhorn, un megafono.

Stephen Colbert: Today the President replaced his racist dog whistle with a vuvuzela. 

Wolf whistle

Il dog whistle non va confuso con il wolf whistle, che invece è il fischio di apprezzamento a donne attraenti fatto da uomini volgari, di solito per la strada: wolf è una parola colloquiale che descriveva donnaioli o uomini con comportamenti sessualmente aggressivi.

wolf whistle

L’ambiguità dei sintagmi nominali inglesi

Il confronto tra dog whistle e wolf whistle, due espressioni solo in apparenza simili, ci ricorda le potenziali ambiguità dei sintagmi nominali inglesi (i nomi composti o noun stack).

A parte la polisemia dei singoli elementi, come whistle che può essere sia il fischio che il fischietto, non è sempre ovvio che tipo di relazione ci sia tra i due sostantivi noun1+noun2 (ad es. “per il cane” vs “prodotto dal lupo” vs “del toro” per il senso letterale di bullhorn). La classificazione di Learning compound noun semantics evidenzia questa complessità

types of relations: BE, HAVE, IN, ACTOR, INSTANCE, ABOUT, RELATION, LEXICALISED COMPOUND

Altri dettagli sull’interpretazione dei sintagmi complessi inglesi:
♦  LHC, analisi linguistica e “noun stack”
♦  “noun stack” e sequenze di aggettivi

Non tutti i nomi composti sono descritti da dizionari e glossari e per avere subito indicazioni utili per risolvere le ambiguità e indirizzare meglio le proprie indagini è consigliabile iniziare da una ricerca per immagini.

Ho visto ad esempio dog whistle spiegato nei media italiani come “fischio” ma sarebbe bastato cercare qualche vignetta per capire che il riferimento corretto era invece il fischietto.

A questo proposito, anche la vignetta di Matt Wuerker (marzo 2016) è ancora attuale: 

Dog whistle “The Drumpfet”

Tutt’altro tipo di metafora con fischietto è invece quella del Whistleblower, un concetto poco italiano.

Tag: ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Commenti: