Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Parola dell’estate 2017: turismofobia

Turismofobia

Turismofobia, sostantivo femminile: avversione o intolleranza esagerate verso i turisti.

Sembra un neologismo italiano ma in origine è una parola spagnola pronunciata turismobia. È nata in ambito accademico e poi se ne sono appropriati i media per descrivere l’ostilità crescente dei residenti nei confronti dei visitatori, fenomeno che si è acutizzato nell’estate 2017.

Al turismo vengono attribuiti sovraffollamento dei luoghi di interesse e dei mezzi di trasporto, danni all’ambiente (ad es. causati dalle navi da crociera), comportamenti irrispettosi o illeciti (ad es. causa ubriachezza), indisponibilità di abitazioni per le persone del luogo (per i proprietari è più lucrativo affittarle ai turisti) e altri disagi.

Negli ultimi mesi a Barcellona, Maiorca, Ibiza e altri luoghi molto frequentati la tourismofobia si è concretizzata in manifestazioni di protesta, scritte ostili sui muri (ad es. TOURISTS GO HOME) ed episodi di aggressioni e vandalismo (ad es. sono state bucate le ruote di pullman e biciclette usati dai turisti).

vignetta in spagnolo, guida turistica in un pullman di turisti descrive tipo che scrive TOURISTS GO HOME come abitante nativo che saluta i turisti seguendo le nuove usanze localivignetta: Ferran Martín

Ortografia di turismofobia!

Vari media italiani hanno usato il neologismo turismofobia per le notizie dalla Spagna, ricollegabili anche a proteste recenti fatte a Venezia contro le navi da crociera. Ho notato però che alcuni hanno usato la grafia turismo-fobia, con un trattino che non è previsto dall’ortografia italiana ed è del tutto inutile per l’elemento formativo fobia, molto produttivo e facilmente identificabile all’interno delle parole.

Presumo abbiano scopiazzato, senza riflettere, da articoli in inglese dove la parola spagnola è stata adattata in tourism-phobia per questioni di pronuncia e di grafia. In inglese infatti la sequenza di consonanti smph risulterebbe ostica, mentre in italiano e in spagnolo non c’è questa difficoltà grazie alla sillaba* finale di turismo che termina in vocale.  


* In C’è rima e rima alcune differenze tra sillabe italiane e inglesi.

Tag: , ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Un commento a “Parola dell’estate 2017: turismofobia”

  1. 11 agosto 2017 19:48

    Paolo:

    i selfie stick sono la morte!

Commenti: