Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Il parlamento UK in stallo ma non “appeso”

vignetta con i principali leader politici britannici appesi a un filo del bucato

Nel Regno Unito le elezioni dell’8 giugno 2017 non hanno dato la maggioranza sperata a Theresa May e il paese si ritrova con un hung parliament, lo scenario in cui nessun partito ottiene la maggioranza assoluta per poter governare da solo.

È corretto descrivere questa situazione come “parlamento appeso”, come fanno molti commentatori italiani? No.

La traduzione letterale di hung parliament non ha molto senso perché non comunica l’idea di indecisione, di stallo, di situazione “in bilico” tra un gruppo parlamentare e un altro che c’è invece in inglese: dettagli in un post di qualche anno fa, Hung Parliament: non è “appeso”.

La vignetta Dog & Rabbit con i leader dei principali partiti britannici richiama anche un’altra espressione inglese, hang in the air, che vuol dire “rimanere senza soluzione”.

Molto usata nelle ore dopo la chiusura dei seggi anche l’espressione hanging by a thread, riferita sia alla maggioranza che alla carriera di Theresa May. In questo caso in italiano usiamo la stessa metafora: appeso a un filo.

Tag:

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

2 commenti a “Il parlamento UK in stallo ma non “appeso””

  1. 9 giugno 2017 14:51

    Francesco:

    C’è chi ha fatto di peggio: nella versione online del Corriere della Sera di oggi venerdì 9 giugno, nei titoli secondari della notizia relativa alle elezioni in Gran Bretagna, si parla di Parlamento “impiccato”! (confusione tra hung e hanged)
    Interessante il fatto che nell’articolo vero e proprio l’errore non sia ripetuto, segno che forse è stato commesso dall’impaginatore e non dai giornalisti.
    Se serve posso fornire la schermata.

  2. 9 giugno 2017 21:19

    Isa:

    Non oso pensare a come renderebbero i media italiani l”espressione “well hung” 😉 battute maliziose a parte, cara Licia, cosa ne faremo dei cronisti che parlano da giorni di “politica domestica” e “materie domestiche” anziché di politica interna e questioni interne? (Per tacere del procuratore straordinario sul Russiagate che è stato “appuntato”…)

Commenti: