Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Trollare: senza troll, nuovo significato!

Avete notato la risemantizzazione dei verbi troll in inglese e trollare in italiano? Qualche esempio di titoli di notizie recenti:

Is the Swedish deputy PM trolling Trump with this all-female photo?

How Trolling Trump Became an International Phenomenon

Super Bowl 51: The adverts that trolled Donald Trump, from Budweiser to Airbnb Europe is trolling the hell out of Trump one hilarious video at a time

Bruxelles, eurodeputato trolla Farage con il cartello “Vi sta mentendo”

Accezione originale di trollare

In nessuno dei titoli qui sopra troll e trollare possono essere interpretati con il significato noto da tempo di “comportarsi da troll”, cioè intervenire con commenti deliberatamente provocatori od offensivi in una comunità digitale per istigare reazioni negative da chi è preso di mira o si sente coinvolto.

Nuova accezione di trollare 

Il nuovo significato di troll, e quindi anche del calco trollare, è più simile a sbeffeggiare, prendersi gioco di qualcuno pubblicamente sui social o altri media. Più volgarmente: una presa per il culo, alla grande.

The Merriam-Webster Dictionary Has Been Trolling Trump On Twitter For Months

In questa accezione l’intento malevolo non è una caratteristica distintiva, anzi, di solito prevalgono aspetti ludici e satirici. Inoltre, lo scopo di chi trolla* non è la reazione di chi è preso di mira, spesso neppure coinvolto direttamente, ma il riconoscimento da parte della comunità digitale, che si manifesta con “mi piace” e condivisioni e a cui segue la speranza che il proprio contributo diventi virale.

Esempio: Trump trollato da @TrumpDraws:

Finora non ho trovato questo nuovo significato di troll e di trollare in nessun dizionario, ma si sa che nel mondo digitale le parole possono subire evoluzioni molto rapide. Per riconoscerle è utile l’approccio onomasiologico del lavoro terminologico che confronta i concetti analizzando le loro caratteristiche distintive.

Trollare, parola del XXI secolo!

Considerazioni lessicali a parte, credo che i neologismi semantici troll e trollare siano anche parole emblematiche della società contemporanea: viene dato molto valore al coinvolgimento virtuale per [avere l’illusione di] essere parte degli eventi contemporanei.


Vedi anche:
♦  Vecchi e nuovi troll (etimo: non c’entra la mitologia nordica!)
♦  Trollaio e altre parole nuove (lo erano nel 2014)
♦  Subtweet → frecciate 2.0 (molto usati per trollare su Twitter)
♦  Blastare: dai videogiochi a Mentana (un altro neologismo in tema)


* Nella nuova accezione chi trolla non è descritto come troll, parola che per ora mi sembra continui ad avere solo connotazioni negative.

Tag: ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Commenti: