Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Italian Survival Eat!

Vi piace il nome Italian Survival Eat per un tramezzino con porchetta, funghi e provola?

Italian Survival Eat.
[segnalato da @_geniodelmale]

Il gioco di parole survival kit freccia282 eat è inequivocabile, anche grazie alla confezione mimetica, ma è anche chiaro che è un nome “made in Italy”. È quello che chiamo inglese farlocco: una combinazione poco idiomatica (o addirittura errata) di parole inglesi facilmente riconoscibili, pensata per un pubblico italiano. 

Grammatica

Probabilmente chi ha usato eat ha pensato fosse non solo un verbo ma anche un sostantivo simile nell’uso a drink, bevanda. In realtà eat può essere usato in questo modo, informalmente, ma solo al plurale e con il significato generico di “qualcosa da mangiare”, quindi survival eat risulta una locuzione molto insolita (si dice invece survival meal).

eats (informal): food or snacks – people would stop for soft drinks or eats

Pronuncia

Le vocali non arrotondate di eat e di kit ci appaiono uguali nella pronuncia italianizzata ma sono diverse in inglese: la vocale di /t/ è lunga, anteriore e chiusa mentre quella di /kɪt/ è breve, quasi anteriore e quasi chiusa, come si può vedere dalla rappresentazione sullo schema vocalico (fonte: WIkipedia).

Vocali - Wikipedia

Si trova una conferma scherzosa di questa differenza anche nello schema Emoji as articulatory phonetic symbols che la linguista Lauren Ackerman si è divertita a costruire usando emoji. Le espressioni scelte per rappresentare [i] e [ɪ] sono piuttosto diverse!

Emoji as articulatory phonetic symbols - Ackerman

Trovate il resto dello schema in Emoji, tra segni, gesti e sistemi di scrittura.
.

Vedi anche: Inglese farlocco: BIObreak (uno spuntino italiano che non avrebbe molto successo in America!) e altri giochi di parole che funzionano solo con la pronuncia italiana: CHEESE NIC e weekend – we can.

Tag: , , ,

I commenti sono consentiti ma non i ping.

Un commento a “Italian Survival Eat!”

  1. 6 febbraio 2017 07:31

    Kevan:

    (Piccola premessa: leggo da molto il tuo simpatico blog, e essendo traduttore italiano=>inglese, lo trovo interessante, e questa è la 2a volta che lascio un commento.)

    Magari conta poco la mia opinione in merito, dato che sono “straniero” dal vostro punto di vista, ma, secondo me, voi Italiani esagerate troppo con l’inglese farlocco.

    Ma dài! Una frase bruttissima come “survival eat” serve a chi? Chi conosce l’inglese lo troverebbe sbagliato (o almeno, come dici tu, insolito — in inglese io direi “survival rations” più volontariamente di “survival meal.”)

    E per chi non conosce l’inglese, “survival eat” non aggiunge molto, tranne una connotazione di roba straniera, inglese/americana (e perciò superiore? più di moda? più sana? Boh.) Direi che “survival” non sarebbe facilmente capita da coloro che non parlano l’inglese, nonostante le sue radici latine. O mi sbaglio?

    Comunque, due cose che noto: Il packaging (cioè, la confezione, voglio dire!!) La confezione disegno mimetico armonizza con l’idea di “survival rations” tipo esercito.

    Inoltre, la parola “eat,” pronunciata con un accento tipico italiano, suona come la prima sillaba della parola “Italy,” sempre pronunciata dall’italiano medio.

    Dunque, questo produtto dev’essere un survival ration all’italiano (e dato il contenuto del tramezzino, sembra sia quasi come un “comfort food” italiano, e lascio a voi di tradurre quella espressione!)

Commenti: