Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Cosa si può dire? Amen!

Una reazione al viaggio di Obama in Europa della scorsa settimana:

Pres Obama at today's press conf: EU remains one of world's great political & economic achievements & should not be taken for granted. amen.

Se non sapete già chi è l’autore del tweet, come interpretate il suo amen finale?

Ho scelto questo esempio per evidenziare l’uso diverso di amen in italiano e in inglese. A parte il significato religioso, comune a entrambe le lingue, in italiano usiamo informalmente amen come esclamazione conclusiva per indicare “va bene, sia pure” quando non si può fare altrimenti, oppure come alternativa a “pazienza!” per esprimere rassegnazione.

In inglese invece amen indica assenso, consenso, forte approvazione. Si usa da solo o con maggiore enfasi nella locuzione amen to that! Potrebbe essere paragonato all’esclamazione italiana Parole sante! 

Richard N. Haass, diplomatico americano, ha usato amen per esprimere piena sintonia con l’affermazione di Obama, e con questo tweet Hillary Clinton aveva segnalato di condividere l’indignazione di Elizabeth Warren:

tweet di Hillary Clinton: Amen.

Nella traduzione dall’inglese all’italiano ci sono contesti in cui amen potrebbe rappresentare un falso amico se tradotto letteralmente: il consenso potrebbe essere frainteso da un lettore italiano come sarcasmo.

Amen – Adam Zyglis
Vignetta di Adam Zyglis: 

Vedi anche: Elenco di falsi amici

Tag:

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

3 commenti a “Cosa si può dire? Amen!”

  1. 22 novembre 2016 09:53

    Luca:

    Io l’ho sempre interpretato come “Così sia”

  2. 22 novembre 2016 23:37

    Licia:

    Minisondaggio su Twitter per avere qualche altra indicazione d’uso:

    (ho anche aggiornato il post con un riferimento a Parole sante! come equivalente dell’Amen inglese, grazie a un suggerimento di @cosmotuna)

  3. 23 novembre 2016 18:59

    Daniele A. Gewurz:

    Non ho un account Twitter, ma uso “amen” (in italiano) esattamente come dice Licia: “Si sta facendo tardi? Amen, torneremo domani” (pur sapendo che il significato originario e liturgico è in effetti “così sia”).

Commenti: