Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Webete: neologismo che entrerà nei dizionari?

Sui social ieri è diventata virale la parola webete, usata da Enrico Mentana in risposta a uno dei numerosi individui che impestano il web: 

Mentana: “mi stavo giusto chiedendo se sarebbe spuntato fuori un altro così decerebrato da pensare e poi scrivere una simile idiozia. Lei pensa che il prossimo le sia simile. Ma non c’è distanza maggiore che tra il virtuoso e il virtuale: eppure per lei se uno non grufola contro gli invasori è un fake. Lei è un webete”

Webete è una parola macedonia davvero efficace, per diversi motivi:

  Trasparenza: si comprende subito che è formata da web+ebete
  Conformità: rispetta le regole fono-morfologiche dell’italiano
  Eufonia: risulta di suono gradevole ed è semplice da pronunciare
  Memorabilità: è facile da ricordare
  Unicità: non si confonde con parole già esistenti 
  Spiritosità: si apprezza per l’arguzia e per l’uso creativo di un sostantivo ormai disusato

Significa che webete è un neologismo destinato a entrare nella lingua italiana? O invece, dopo gli entusiasmi iniziali, rimarrà un occasionalismo? Difficile dirlo ora, il successo di una nuova parola dipende infatti anche da altri fattori:

  Frequenza: si affermano le neoformazioni usate spesso e continuativamente 
  Varietà d’uso: le parole devono poter essere usate in contesti e in registri diversi
  Produttività: hanno più successo le parole da cui possono derivarne altre
  Rappresentatività: si affermano le parole che denominano nuovi concetti e colmano vuoti lessicali o terminologici

Solo fra qualche mese sapremo se webete sarà definitivamente entrato nell’uso e in che contesti, e se e come si differenzierà da troll, imbecille dei social* o altre descrizioni già esistenti.

CAN’T TELL IF HE’S A TROLL OR JUST AN IDIOT…

Un altro webete nel XX secolo

Si può anche osservare che questa non è la prima comparsa della parola webete. Si trova un’attestazione già nel 1998, poi registrata in Il gergo telematico (1993-2003) di Maurizio Codogno con questa definizione:

  webete – utente che considera Internet composta solamente dalla WWW. Neologismo coniato da Ginzo

Si tratta comunque di una coincidenza: il webete di allora rappresentava un concetto diverso e risultava una parola poco trasparente, molto specifica, gergale e non produttiva. Non stupisce che sia rimasto un occasionalismo che ha lasciato poche tracce.

Webete nei dizionari e il fantasma di petaloso

Intanto c’è già chi tira in ballo l’Accademia della Crusca per chiedere che webete venga aggiunto ai dizionari e così ne venga legittimato l’uso.

La faccenda di petaloso a quanto pare non ha insegnato nulla: i dizionari moderni non sono prescrittivi ma descrittivi, sono i parlanti con il loro uso che “convalidano” le parole. Oltretutto l’Accademia della Crusca non fa vocabolari!

Un’ultima annotazione: alcuni media hanno citato la neoformazione webete e l’hanno descritta come crasi anziché come parola macedonia. È un errore terminologico diffuso che ho già descritto in Brexit, Bremain e la crasi dei media italiani

.
Aggiornamento febbraio 2017 – Nuovo post: Blastare: dai videogiochi a Mentana (un altro neologismo legato al giornalista). In tema anche Trollare: senza troll, nuovo significato!


* Cfr la nota affermazione di Umberto Eco: “I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli.”

Settembre 2017 – Aggiungo una vignetta in tema, purtroppo non sono riuscita a risalire all’autore per citarlo

(tre scimmiette davanti al computer) IL WEBETE: NON LEGGO, NON CAPISCO, COMMENTO

Tag: ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

6 commenti a “Webete: neologismo che entrerà nei dizionari?”

  1. 29 agosto 2016 12:52

    Marco:

    e bravo, alberto! quante ne sai e quante ne imparo. buona giornata dalla (grande) germania

  2. 30 agosto 2016 13:13

    Remo:

    Non avevo visto a quale commento Mentana aveva dato questa risposta, ma mi sa che la figura del webete l’ha fatto proprio lui credendo di essere brillante. Forse è per questo cortocircuito che questa banalità sta avendo tanto successo, perché si attaglia ci l’ha usato per primo.

  3. 31 agosto 2016 14:22

    Licia:

    @Remo non entro nel merito delle intenzioni di Mentana, che a quanto pare è piuttosto infastidito dalla rilevanza data al suo commento. Credo invece che webete sia utile come spunto per evidenziare cosa renda efficace una nuova parola e cosa invece la faccia finire nel dimenticatoio. 😉

  4. 1 settembre 2016 01:06

    Alpha T:

    Lo vedo più come un occasionalismo proprio perché invenzione troppo studiata e personale, esercizio di humour. Mi viene da dire che la presenza di una chiara intenzionalità di un autore identificato sia un ostacolo grosso alla diffusione.
    Un caso importante di occasionalismo che voleva diventare neologismo era una vecchia pubblicità, che cercava di imporre un uso figurato di “al dente”

  5. 1 settembre 2016 10:11

    Alpha T:

    Che strano, stanotte ero convinto di aver scritto humor… sto invecchiando! AmE>>BrE

  6. 11 settembre 2016 12:50

    Webete: fare il tifo per o contro le parole nuove | Treccani:

    […] (dipende «da tutti noi», direbbe la Crusca). Ricorda Licia Corbolante nel suo blog Terminologia etc. che il successo di una nuova parola, oltre che dagli eventuali entusiasmi iniziali […]

Commenti: