Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Nuove emoji, per palati soprattutto americani?

dentifricio al bacon

Faccio fatica a capire la grande passione americana per il bacon, da tempo una costante della cultura popolare, soprattutto online. Esistono prodotti aromatizzati al bacon di ogni genere (sapone, cioccolata e dolciumi vari, filo interdentale, biancheria intima, deodoranti per ambienti…) e c’è anche una voce di Wikipedia, Bacon mania.

Quando ho visto che tra le nuove emoji di Unicode 9.0 c’era anche quella del bacon, ho subito pensato che la richiesta di aggiungerla fosse di origine americana.

bacon emoji

Chissà se le due striscioline a righe bianche e rosse risulteranno riconoscibili in tutto il mondo o se verranno attribuiti significati alternativi non alimentari. Sarà anche interessante vedere se in contesti americani l’emoji verrà usata “letteralmente” oppure come metafora per indicare qualcosa di preferito o insuperabile.

Altre emoji occidentali, reinterpretabili a piacere 

C’è un’altra nuova emoji da colazione molto americana, la pila di pancake, le frittelle che si impilano e si irrorano con sciroppo d’acero:

PANCAKES: crêpe, palačinkes, blini… sweet or savory 

Il dettaglio interessante è che il nome dell’emoji è PANCAKES ma la descrizione suggerisce che in culture e luoghi diversi possa essere interpretata come preparazione culinaria diversa, sia dolce che salata: hotcake (geosinonimo di pancake), crêpe, palačinkes (Europa orientale) e blini (Russia e Ucraina). 

Anche shallow pan of food è un’emoji molto versatile: può essere interpretata come paella o qualsiasi altro cibo cotto in un tegame (in inglese casserole indica una cottura al forno o simile a uno stufato):

new food emojis

Un altro esempio è quello di stuffed flatbread, un pane non lievitato imbottito. Vale anche come döner kebab (Turchia e altri paesi), gyro (Grecia), shawarma (paesi arabi), falafel (Medio oriente, in questo caso non le polpette da sole ma servite nel pane arabo).

STUFFED FLATBREAD: döner kebab, falafel, gyro, shawarma…

A me però pare molto simile a un’emoji già esistente, quella del taco (ma anche del burrito, entrambi cibi messicani molto diffusi negli USA). Penso che senza descrizione, o senza conoscere le diverse preparazioni, flatbread e taco si possano confondere facilmente:

TACO e BURRITO

Polisemia delle emoji

In Curiosando tra le nuove emoji di Unicode 9.0 ho già osservato che l’interpretazione delle emoji-faccine (ideogrammi che rappresentano concetti astratti, in questo caso stati d’animo) può essere influenzata da molti aspetti, non solo tecnici ma soprattutto linguistici e culturali.

Le descrizioni di pancakes e stuffed flatbread mostrano che anche i pittogrammi (immagini di oggetti reali) si prestano a diverse interpretazioni e quindi sono potenzialmente ambigue se usate in un contesto globale.

dumplingPare comunque che la polisemia sia incoraggiata dal consorzio Unicode, come mostra il documento di riferimento Dumpling Emoji Submission che propone dumpling, un fagottino di pasta ripieno, che in contesti culturali diversi potrebbe rappresentare preparazioni diverse quali potsticker, gyoza, jiaozi, pierogi, empanada e raviolo.

Nello specifico, le istruzioni per sottoporre nuove emoji, Submitting Emoji Character Proposals, indicano come uno dei fattori determinanti per l’approvazione proprio Multiple usages: Does the candidate emoji have notable metaphorical references or symbolism?

Usi metaforici e simbolismo

È interessante che venga data rilevanza a usi metaforici e simbolismo, come mostra questo esempio per la nuova emoji dello squalo.

  For example, shark SHARK is not necessarily only the animal, but also used for a huckster, in jumping the shark, card shark, loan shark, etc.

I riferimenti in questo esempio sono a usi figurati di squalo in inglese: venditori imbroglioni, giocatori di carte particolarmente scaltri, strozzini, e all’espressione televisiva saltare lo squalo. Altre lingue potrebbero avere espressioni idiomatiche e metafore completamente diverse, o non averne affatto.

Le indicazioni di Unicode e gli esempi di bacon e pancake fanno supporre che avranno più probabilità di affermarsi le emoji che sono più significative per la lingua inglese, che è la lingua di lavoro di Unicode, e quindi l’impronta iniziale giapponese con il tempo dovrebbe attenuarsi e prevalere invece un’impostazione più occidentale.

Questo post integra Curiosando tra le nuove emoji di Unicode 9.0 ed è stato completato da Emoji: la melanzana e altre verdure.

Aggiornamento ottobre 2016: le pagine di Unicode da cui sono tratti gli esempi di questo post sono state modificate. Sono state aggiunte nuove implementazioni che sono simili ma che non sempre corrispondono esattamente agli esempi originali riportati in questo post.


A  proposito di emoji, vi segnalo che oggi alle 11:30 a Radio3 Scienza si discuterà di segni e simboli, da preistorici e contemporanei, e quindi anche di emoji. Interverrò anch’io: dettagli in Dacci un segno.


PS Quale emoji usereste per la piadina, stuffed flatbread o taco
.

Tag: , ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

Un commento a “Nuove emoji, per palati soprattutto americani?”

  1. 26 luglio 2016 06:52

    Alessandra:

    Ahimè…userei lo stuffed flatbread. C’è la pita! Gnam gnam

Commenti: