Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Da Brexit a regrexit, è wrexit. E poi nexit?

BREXIT by Patrick Chappatte
vignetta @PatChappatte

Regrexit

Tra i cittadini britannici che giovedì 23 giugno hanno votato per uscire dall’Unione europea (Brexit) pare ce ne siano molti, come questi, che si sono già pentiti della propria scelta. È subito nata la parola macedonia regrexit, da regret  (rammarico, rimpianto) + Brexit, e l’hashtag #regrexit è stato a lungo “di tendenza”.

Wrexit e poi nexit

Piuttosto usato anche wrexit, da wreck (distruggere, mandare in rovina), mentre solo alcuni hanno optato per un più catastrofico apocalexit. Intanto c’è chi si chiede chi sarà nexit, il prossimo paese a uscire dall’Ue (next+exit).

Altri –exit

Queste neoformazioni hanno come capostipite Grexit, da cui erano derivati non solo Brexit ma anche l’eventuale ipotesi di Spexit (Spain) e Irexit (Ireland) e ultimamente anche Swexit (Sweden). Questa produttività indica che –exit è ormai diventato un nuovo elemento formativo con funzione suffissale, del tipo chiamato libfix.

L’elemento –exit però non si presta ad essere combinato con qualsiasi nome di paese, ad esempio Frexit (France) non è sufficientemente trasparente e neppure Italexit funziona perché ci si aspetta una parola di due sillabe. Sui social si è quindi scatenata una gara per trovare nomi per tutti i potenziali nexit. Esempi:

Altri tentativi più o meno efficaci sono stati raccolti in Possible names for EU exits for all members of the EU e intanto Nexit viene usato anche con il significato alternativo di uscita dei Paesi bassi (Netherlands).

Per l’Italia è stato suggerito anche Quitaly o Quittaly (da quit, abbandonare, andarsene) ma c’è chi propone una parola italiana, uscITA.

Auguriamoci che tutti questi neologismi non ci servano e che rimarranno occasionalismi, utili solo per farci apprezzare la creatività linguistica che li caratterizza. 

[altri esempi e aggiornamenti nei commenti, tra cui Bregret, Jexit, Boxit e Faragexit]

Vedi anche: Brexit, Bremain e la crasi dei media italiani


Aggiornamento 30 giugno 2016 – Branger. Debression. Oexit. Zumxit. Why Did Brexit Trigger a Brexplosion of Wordplay?  spiega perché le parole macedonia sul modello di Grexit e Brexit risultano efficaci e stanno proliferando.

Aggiornamento settembre 2016 – Sono modellati su Brexit anche acuni degli hashtag associati alla notizia del divorzio tra Angelina Jolie e Brad Pitt. Li ho descritti in Bradsplit, Brexpitt e Bradxit e sono una conferma che l’elemento –exit ormai può indicare qualsiasi tipo di uscita o rottura brusca e traumatica di cui si discute pubblicamente.

Aggiornamento novembre 2016 – La vittoria di Donald Trump ha fatto nascere Calexit, Oregexit, Washexit, Nevexit, WestCoastexit e LeftCoastexit, la potenziale secessione dagli Stati Uniti di California, Oregon, stato di Washington, Nevada e degli stati di costa occidentale e orientale, tradizionalmente democratici e quindi ostili alla presidenza Trump.

Aggiornamento dicembre 2016 – In Italia il referendum costituzionale e le dimissioni di Matteo Renzi hanno fatto riemergere Renxit, già citato nei commenti, e la sua alternativa Renzexit.

Vedi anche: Brexit, parola del XXI secolo, mio articolo per il Portale Treccani. 

Tag: ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

11 commenti a “Da Brexit a regrexit, è wrexit. E poi nexit?”

  1. 25 giugno 2016 09:35

    Ylenia Marcucci Faure:

    Blog interessantissimo e ben organizzato. È un piacere leggere le diverse considerazione linguistiche su svariati temi.

  2. 25 giugno 2016 10:45

  3. 25 giugno 2016 11:53

    Licia:

    @Ylenia 🙂

    @Luca, non l’avevo ancora sentito, grazie! Aggiungo il link a Refugee e rifugiato: il lessico della migrazione dove ho descritto le connotazioni di expat.

    Aggiungo anche un altro gioco di parole in tema:

  4. 25 giugno 2016 14:27

  5. 25 giugno 2016 16:58

    Licia:

    Aggiungo anche Bregret in alternativa a Regrexit, cfr. ad es. Anger over ‘Bregret’ as Leave voters say they thought UK would stay in EU.

    In ascesa anche l’hashtag #ProgrExit per progressive exit).

    Rivolto ai promotori dell’uscita dall’Ue è stato usato il gioco di parole ”You Brexit, you bought it”, basato su You break, you bought it (simile a “chi rompe paga”; è una frase che si vede in alcuni negozi).

    La petizione online per rifare il referendum ha già raccolto quasi 2 milioni di firme ed è apparso l’hashtag #Brenter (con enter, antonimo di exit.

  6. 25 giugno 2016 17:29

    Paolo:

    Matteo Salvini ha cinguettato che dopo la Brexit ora tocca alla Renxit.

  7. 27 giugno 2016 09:20

    Licia:

    Ora c’è anche Jexit, da Jeremy Corbyn, il leader laburista britannico. L’hashtag #Jexit è nato in seguito alle dimissioni di alcuni deputati del governo ombra laburista come segno di sfiducia contro Corbyn, di cui chiedono la testa: è accusato di non aver saputo gestire la campagna per rimanere in Europa, dimostrandosi troppo tiepido e distaccato. La sillaba iniziale je potrebbe richiamare anche il verbo jettison, “abbandonare”, “scaricare”.


    Per una potenziale uscita dell’Austria i media austriaci usano Auxit (da Austria) e Oexit (da Österreich che si può scrivere anche Oesterreich). Fonte: Frexit, Nexit or Oexit? Who will be next to leave the EU.

    Il tweet scherzoso citato nel post invece proponeva Oustria, che potrebbe derivare da out ma che penso voglia anche richiamare il verbo oust, “cacciare, espellere”.

  8. 30 giugno 2016 16:59

    Licia:

    L’inaspettata uscita di scena di Boris Johnson, che all’ultimo momento ha deciso di non presentare la propria candidatura come leader del partito conservatore, è stata commentata con l’hashtag #Boxit.

    Ne approfitto per aggiungere un altro riferimento:
    Branger. Debression. Oexit. Zumxit. Why Did Brexit Trigger a Brexplosion of Wordplay?, con molti altri esempi (brexiteer, bremorse, becrimination, [point of no] breturn, brexperts, brexodus, brexistential crisis, brepression, Scoxit per l’eventuale uscita della Scozia dal Regno Unito ecc.) e un’analisi dell’efficacia di questo tipo di parole macedonia, in inglese portmanteau words.

  9. 1 luglio 2016 11:45

    Licia:

    C’è anche brexecuted:

    Brexecuted

    Le possibilità di giochi di parole sono innumerevoli:

     
  10. 4 luglio 2016 22:47

    Licia:

    Nella politica britannica nuovo colpo di scena e nuovo hashtag, #Faragexit, per commentare le dimissioni di Nigel Farage da leader del partito nazionalista UKIP.

    È BREXODUS?

    BREXODUS  Now Farage joins Boris in quitting …is this what they meant by Project Leave?

    Sulla pronuncia del cognome Farage e giochi di parole post Brexit: “Fromage not Farage”.

  11. 19 ottobre 2016 10:28

    Marco B. Rossi:

    Ciao Licia, ti segnalo qui il titolo del Times di oggi sul referendum del prossimo dicembre: “Splitaly”
    http://www.thetimes.co.uk/edition/comment/splitaly-mmk3k68nh

Commenti: