Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Con cortesia: NO JOKES PLEASE!

Ieri ho rivisto un cartello di divieto americano che circolava già qualche anno fa:

ALL THREATS ARE TAKEN SERIOUSLY. NO JOKES PLEASE! VIOLATORS WILL BE PROSECUTED.
(via @FrancescoPonzin)

A quanto pare in vari aeroporti americani si viene davvero avvisati che non è consentito scherzare su bombe e altre potenziali minacce. Non so però se questo specifico cartello sia reale: ne esistono varie versioni, la traduzione spagnola è piena di errori e soprattutto pare si trovi in California nell’aeroporto dedicato al comico Bob Hope… 

Un dettaglio invece del tutto credibile è l’uso di PLEASE nei cartelli di divieto:

 PLEASE, NO JOKES Please no jokes.

Evidenzia una differenza culturale tra inglese e italiano: nei nostri cartelli di divieto per favore o prego sarebbero del tutto fuori luogo. Si notano subito se vengono usati a causa di traduzioni letterali senza adattamento: un esempio in Italolive.

Il comico Gioele Dix ne ha fatto l’argomento di un noto monologo:

Attenzione: se premete il tasto YouTube icon vi verranno installati cookie di terze parti, siete avvisati!

Ho descritto questo tipo di differenze in Lingue, funzione fatica e cortesia, con la distinzione tra culture a basso contesto (low context) e culture ad alto contesto (high context).

Vedi anche: Il SECURITY WARNING delle Ferrovie dello Stato
.
.

Tag: ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

3 commenti a “Con cortesia: NO JOKES PLEASE!”

  1. 8 giugno 2016 13:01

    Mauro:

    L’aeroporto Bob Hope esiste veramente: è a Burbank nell’area metropolitana di Los Angeles. Non mi risulta sia un aeroporto internazionale.

  2. 9 giugno 2016 10:34

    Licia:

    @Mauro non ho detto che non esiste ma sottinteso (malamente?) che è una strana coincidenza! 😉

  3. 16 giugno 2016 16:02

    Giacomo:

    In italiano non compare la forma “per favore” ma una forma di vietare cortesemente ce l’abbiamo anche noi: “Si prega di” (si prega di non toccare, si prega di spegnere i cellulari, …)

Commenti: