Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Parole dell’italiano al tempo di WhatsApp

elenco di parole: whatsappare, social, linkare, unlike, fare like, facebook, twittato, chattare, selfie, avvocata, LOL, noob, hashtag. messaggiato, unfriend, emoji, taggare, bannare, xché, switchato, prefetta, camice, accelerareL’ITALIANO AL TEMPO DI WHATSAPPSulla locandina del convegno Petaloso sarai tu, le parole nell’immagine a sinistra rappresentano “l’italiano al tempo di WhatsApp”. Le ho prese come spunto per riproporre alcuni post in tema.

Whatsappare ne ho accennato in Zap → WhatsApp → “uozzap”, con l’origine del nome dell’app e le variazioni che subisce in italiano.

Social in italiano è usato sia come aggettivo che come sostantivo, a differenza dell’inglese: dettagli in Social, uno pseudoprestito.

Linkare, chattare, taggare, bannare sono alcuni dei molti neologismi legati alle interazioni su Internet, come anche Piacciare, favvare, pinnare, lovvare…  

Unlike e unfriend nelle interfacce localizzate esistono locuzioni italiane corrispondenti ma per efficacia e concisione sono molto diffusi anche gli anglicismi: dettagli in Flessibilità dell’inglese: un–

Facebook per metonimia, il nome è usato anche per indicare un singolo profilo, come osservato in Facebook e il Facebook.

Twittato il servizio di microblogging ha dato origine a moltissimi neologismi: un breve elenco in A proposito di Twitter.

Selfie un anglicismo che tutti conoscono ma che è entrato nell’uso solo tre anni fa. In Selfie parola dell’anno 2013 la sua origine e i primi neologismi che ne sono derivati; in Da selfie a selfare / selfarsi l’evoluzione del concetto e altri neologismi.

Avvocata alcuni nomi di professione come ingegnere, architetto e magistrato tendono a essere usati al maschile anche se il ruolo è ricoperto da una donna. È davvero un grave errore? In Donne e grammatica spiego perché ritengo che sia una questione amplificata a dismisura.

LOL una delle abbreviazioni più usate in chat e social network, assieme ad altre elencate in Acronimi: online e per sviluppatori, ma sempre più spesso sostituita dall’emoji della faccina con le lacrime agli occhi dal ridere.

Hashtag anglicismo dall’ortografia ostica: in italiano sono molto comuni gli errori *hastag e *ashtag. Origine e particolarità d’uso in #hashtag, parola e simbolo; alcuni dettagli sull’evoluzione del concetto in Le nuove collocazioni di hashtag.

Emoji  un nipponismo entrato da poco nella lingua italiana ma ormai molto diffuso. In Da emoticon a emoji trovate alcune osservazioni terminologiche e in Un’emoji parola dell’anno 2015 alcuni esempi di differenze d’uso e culturali.

Tag:

Non sono consentiti commenti o ping.

4 commenti a “Parole dell’italiano al tempo di WhatsApp”

  1. 7 maggio 2016 15:17

    Danilo:

    Non capisco la presenza di accelerare. Quale legame c’è con il mondo dei social network?

  2. 7 maggio 2016 16:01

    Licia:

    @Danilo, non ero al convegno, ma immagino vada inteso come riferimento alla forma errata *accellerare e quindi sia un esempio dei tipici errori di ortografia nella comunicazione dei social, vedi aggiornamento a Internet ed errori di ortografia.

  3. 14 maggio 2016 11:34

    Vera Gheno:

    Cara Licia, era proprio quello l’intento (fare riferimento alla forma errata, poi per qualche motivo nella locandina è venuta stampata la forma corretta: secondo me è colpa del correttore automatico! ;-))

  4. 16 maggio 2016 00:20

    Licia:

    @Vera, un “controrefuso”! 😉