Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Torta di limoncello e polenta (glutine libero!)

foto di torta di farina gialla con cartellini Torta di Limoncello e Polenta e Gluten Free - Glutine Libero
Foto da Is gluten intolerance a ‘fad’? Not if you have coeliac disease via @antonhellas

Dove è stata fatta questa foto? Molto probabilmente nel Regno Unito in qualche locale che si spaccia per italiano.

L’errore più evidente è gluten free, equivalente a free from gluten, che è stato tradotto letteralmente glutine libero anziché senza glutine (no, non è traduzione automatica!).

Mi pare però più utile registrare il falso amico polenta, che in inglese è anche la farina di granoturco, un ingrediente di base, mentre in italiano è esclusivamente la pietanza.

Torta di limoncello invece evidenzia una differenza sottile e non sempre netta nelle preposizioni che usiamo per descrivere torte o altre preparazioni alimentari: di, senza articolo, indica l’ingrediente principale, mentre a, con l’articolo determinativo, l’ingrediente caratterizzante: in italiano questa è una torta di farina di mais al limoncello.
.

Vedi anche: Chitroli e carchope: l’ortografia imperfetta (sulle bancarelle del mercato, errori di stranieri che fanno riflettere su alcune peculiarità dell’italiano)


Nota etimologica dal vocabolario Zingarelli a sostegno dell’uso inglese di polenta: latino polĕnta(m) ‘farina d’orzo abbrustolito, polenta’, da avvicinare a pŏllis ‘polline’ e pŭlvis ‘polvere’.

Tag: , ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

6 commenti a “Torta di limoncello e polenta (glutine libero!)”

  1. 26 novembre 2015 15:49

    Wilson:

    Anche in veneto il termine “polenta” indica sia la pietanza, che la farina e persino la pianta (almeno a sentir parlare i parenti del luogo).

    Se ci sono campi coltivati a polenta non mi stupirebbe una torta di polenta al limoncello.

    Quello che mi lascia più perplesso è l’inversione delle lingue tra i due cartellini, vedendolo su twitter pensavo fosse un fotomontaggio scherzoso e non una fonte originale.

  2. 26 novembre 2015 16:25

    Giovanna:

    Anch’io sono veneta di Padova, ma a casa mia si è sempre chiamata polenta (rigorosamente bianca!) solo la pietanza.
    Concordo quindi: torta di/con farina di mais (al limoncello).

  3. 26 novembre 2015 19:51

    Licia:

    @Wilson, incuriosita ho chiesto a qualche veneto delle province di Treviso e Venezia e anche per loro la polenta è solo la pietanza e la farina è da polenta. Ho scoperto inoltre che per i veneti la pianta si chiama anche biava o soturco (da sorgo turco, un altro nome del mais che ignoravo). Uno dei miei contatti comunque mi ha segnalato che nel Dizionario etimologico veneto-italiano Turato e Durante alla voce polenta effettivamente c’è anche l’esempio campo de polenta, ma a lui pare molto strano.

    @Giovanna, anche la polenta di mia nonna era sempre rigorosamente bianca! Grazie per aver ricordato anche la preposizione con, che permette di differenziare ulteriormente: in generale, di farina di mais indica che è l’unica farina usata, con farina di mais invece che viene aggiunta alla solita farina. Se effettivamente la torta è senza glutine, direi che è di farina di mais.

  4. 27 novembre 2015 10:35

    Luigi Muzii:

    Campo de polenta effettivamente è ancora in uso da parte degli anziani, almeno nell’alto vicentino.
    Non mi risulta la sineddoche con polenta per dolci e altri piatti a base di farina di mais.
    Sottolineerei, nei cartellini, l’uso delle maiuscole, anche se, ormai, è invalso anche da noi.

  5. 28 novembre 2015 20:49

    dioniso:

    Anche nel dialetto del mio paese sabino “polenta” indica sia la farina, sia il piatto. Esiste anche un detto: “t’ha piovitu nna pulenta”; che si usa in caso di colpi di fortuna. E in quel caso si intende il campo. Per la pianta però si può anche usare la versione dialettale di granturco.

  6. 21 marzo 2016 09:30

    Alpha T:

    Mi ricorda uno slogan ironico nato per sottolineare strafalcioni:
    “Celiaco, infame, per te solo pane!”
    A cui potremmo aggiungere “Glutine libero!”

Commenti: