Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Preposizione ingannevole

Il 15 ottobre un corriere non è riuscito a consegnare un ordine che mi serviva subito. Quando ho consultato il sito per tracciare* il pacco e sapere dove e quando recuperarlo, mi sono preoccupata:

“Il pacco deve essere ritirato da: domenica 25 ottobre 2015”

Sul momento ho pensato di dover aspettare ben dieci giorni prima di poter ritirare il pacco (solo a partire dal 25 ottobre), poi ho capito che da era una traduzione poco accurata dell’inglese by, “entro”. C’è almeno un altro dettaglio sospetto, su <ora>, ma mi domando se chiunque consulti il sito si renda subito conto che c’è un errore di traduzione. 

Stringhe concatenate

Escluderei la traduzione automatica, anche perché nel resto della pagina ci sono soluzioni efficaci e non “automatiche”, come locationcentro. È più probabile un problema di stringhe concatenate, come 1 package must be collected seguito da 2 on o in alternativa da 3 by e 4 <data>, quindi la combinazione di stringhe 1+2+4 se si deve ritirare in un giorno specifico (on) oppure 1+3+4 se invece c’è un intervallo di tempo più ampio (by).

Delivered On [date] at [time]. Package must bye collected by [date]Se la stringa by è stata tradotta singolarmente, oppure in un contesto dove aveva la funzione di complemento di agente (da in italiano) e poi riutilizzata altrove, si spiega l’errore. Non so invece come si sia arrivati a su dalla preposizione inglese at per l’orario. 

Sono comunque sorpresa che nel sito di un’azienda internazionale si trovino problemi di questo tipo: vuol dire ignorare ii rudimenti della localizzabilità e della localizzazione.
.

Vedi anche: Date e localizzazione (anche senza traduzione)


* tracciare

Il verbo tracciare ormai viene comunemente usato con il significato di “monitorare le fasi di trasporto e consegna” di un pacco e sta sostituendo l’espressione fare il tracking.

I principali dizionari di italiano non registrano ancora questa accezione, un calco dell’inglese track. Credo però che si possa descrivere questo nuovo uso di tracciare come una risemantizzazione e in particolare una “riesumazione” dell’antico significato di seguire la traccia (ad es. tracciare una lepre) che era caduto in disuso da tempo.
.

Tag: , ,

Non sono consentiti commenti o ping.

4 commenti a “Preposizione ingannevole”

  1. 22 ottobre 2015 09:24

    Luigi Muzii:

    Anche monitorare, in fondo, non è che un brutto calco. Le lingue vive cambiano. I cambiamenti possono piacerci o meno, ma sono segno di vitalità. Anche oltre Manica e oltre oceano si lamentano dei cambiamenti cui va soggetta la lingua della perfida Albione, per le stesse ragioni.
    La traduzione “poco accurata” in questione testimonia, semmai, che la Race Against the Machine è destinata a esser perduta: gli esseri umani fanno più errori di quanti vorrebbero ammetterne, e i correttori sono spesso peggio dei corrigendi e ne introducono di altri, e magari di nuovi.

  2. 23 ottobre 2015 18:27

    Massimo S.:

    E se invece di tracciare e monitorare usassimo più semplicemente “seguire”, “controllare” e simili?

  3. 26 ottobre 2015 14:25

    anonimo:

    Ho lavorato per qualche tempo alle traduzioni di UPS e c’era da mettersi le mani nei capelli e le frasi arrivavano tutte rigorosamente senza alcun tipo di contesto. Probabilmente chi ha tradotto, in questo caso, ha pensato che “by” indicasse una persona e non una data e probabilmente la stessa frase viene utilizzata per entrambe le occorrenze, dal momento che in inglese sono identiche
    Package must be collected by: Mario Rossi
    Package must be collected by: Sunday, 10/25/2015

    Non sparerei sul povero traduttore, in questo caso, ma sul sistema in cui le aziende e poi a catena le agenzie di traduzione spezzettano i lavori decontestualizzandoli il più possibile e rimuovendo tutte le ripetizioni (che così non devono essere pagate). In questo caso il risultato finale è clamoroso (immagino il numero di pacchi restituiti al mittente!)

  4. 26 ottobre 2015 14:38

    Licia:

    @anonimo, grazie per il contributo. È la conferma che si tratta di problemi di progettazione e di gestione della localizzazione, che andrebbero affrontati e risolti “a monte”, ben prima che inizi la fase di traduzione.