Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Forchiaio o cucchietta?

Le parole macedonia, create dalla fusione di parole, sono un meccanismo di formazione di neologismi che in italiano è poco sfruttato rispetto ad altre lingue. Ritengo che parecchie neoformazioni di questo tipo siano destinate a rimanere occasionalismi e non si affermino perché appaiono adatte solo a registri informali: penso ad esempio a parole come aperipizza e aperisushi, nate sulla scia di apericena.

E a proposito di apericena, cosa trovate più efficace per descrivere la posata che è un ibrido di forchetta e cucchiaio, forchiaio oppure cucchietta? immagini di forchiai o cucchiette

In inglese la posata si chiama spork (spoon+fork) o, meno comune, foon (fork+spoon).

Vedi anche: altre parole macedonia.

Tag: ,

I commenti e i trackback da altri siti sono consentiti.

5 commenti a “Forchiaio o cucchietta?”

  1. 8 settembre 2015 10:13

    Mauro:

    Sinceramente quando vedo questi oggetti il cucchiaio non mi viene proprio in mente: per me sono semplicemente forchette dalla forma strana e talvolta usabili anche per altre funzioni (tipo quella del cucchiaio).

  2. 9 settembre 2015 09:28

    efano:

    Direi che entrambi (forchiaio e cucchietta) sono orribili. Difficile anche che si affermi il prestito “spork”, che con il cibo non si adatta molto…

  3. 9 settembre 2015 18:31

    Licia:

    aggiungo che esiste anche la posata ibrida cucchiaio+coltello per mangiare i kiwi, che in inglese si chiama spife (It’s a spoon. It’s a knife. It’s a Spife!) – via antonellas.

    Anch’io trovo spork poco felice, eppure è la parola usata nei siti dove li vendono, e una ricerca ristretta a spork + cutlery restituisce alcune centinaia di migliaia di risultati! Mi pare una conferma della mia impressione che nell’adozione di neologismi l’inglese sia una lingua meno “schizzinosa” dell’italiano, soprattutto per quel che riguarda le parole macedonia.

  4. 12 settembre 2015 14:28

    dioniso:

    Forchiaio al mio orecchio evoca meglio i nomi delle due posate.
    Saluti

  5. 12 settembre 2015 18:34

    Massimo S.:

    Parliamoci chiaro, l’attrezzo in questione, almeno come lo si vede qui, mi sembra più un cucchiaio che una forchetta: come forchetta può andar bene per infilzare pezzi di alimenti come carne o pasta corta, mentre mi pare problematico adoperarlo per avvolgere gli spaghetti.

    E allora, senza stravolgere la lingua italiana, chiamiamolo “cucchiaio multiuso” o “doppio uso”, o magari, a seconda di dove è stato inventato o si è diffuso “cucchiaio americano” o “cucchiaio inglese” o d’altra nazionalità.
    Potremmo anche chiamarlo “cucchiaio svizzero”, anche se il paese elvetico probabilmente non c’entra niente con l’attrezzo, per significarne la versatilità che può ricordare, invero pallidamente, quella dei coltellini svizzeri.

Commenti: