Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Dismaland: derelict ≠ derelitto

I media britannici hanno dato grande risalto alla notizia del parco tematico Dismaland aperto dall’artista Banksy in un’area dismessa del lido di Weston-Super-Mare. Nelle descrizioni in inglese è ricorrente l’aggettivo derelict, che riferito a luoghi ed edifici significa in avanzato stato di abbandono, in rovina, cadente, fatiscente, decrepito.

immagine e didascalie da The Guardian: Banksy's Dismaland: ‘a theme park unsuitable for children’. The castle’s derelict, Cinderella’s pumpkin has crashed, and the seagulls are on the attack ... Banksy has opened a theme park called Dismaland at a disused lido in Weston-super-Mare. The show has been shrouded in secrecy for weeks, and locals had been led to believe it was a film set for a Hollywood thriller.

I media italiani hanno ripreso la notizia traducendo letteralmente derelict con derelitto, in particolare per descrivere il castello delle fiabe modellato su quello di Disneyland. Non si sono però resi conto che derelict e derelitto sono falsi amici: in italiano contemporaneo l’aggettivo derelitto si usa solamente per descrivere persone prive di ogni tipo di conforto familiare o sociale e di ogni mezzo di sostentamento, ma non per luoghi o edifici.

Dismaland® Bemusement Park

Dismaland logoNegli articoli italiani sono stati evidenziati i giochi di parole del nome del parco: il divertimento (amusement) è diventato sconcerto (bemusement) e Disneyland è stato trasformato in Dismaland grazie all’aggettivo dismal (lugubre, tetro, squallido).

A me pare ancora più probabile la parola macedonia formata con il sostantivo dismay (costernazione, sgomento). Non escluderei inoltre un rimando al concetto di distopia, anche se in inglese si scrive dystopia.


Grazie a Alain Dellepiane per la segalazione.
.

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

Non si possono aggiungere commenti.