Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Che vitaccia? Che vi piaccia? Keep in touch!

Quanti riferimenti cinematografici trovate in questo brevissimo spot delle Uova Kinder?


(via Rob Benatti)

Mi è chiaro che Coniglio Pasquale è una versione italiana dell’americano Easter Bunny (con origine tedesca) e che la caccia alle uova richiama una Easter egg hunt, ma le mie conoscenze enciclopediche mi consentono di individuare solo due rimandi a film: le mosse dei Pinguini di Madagascar, protagonisti di un recente film di animazione e di una promozione degli ovetti Kinder, e My name is Bond. James Bond.

Di sicuro però mi sfuggono altri riferimenti di cultura popolare, che spero mi indicherete.

Keep in touch in contesti italiani

Ma quello che proprio non capisco è perché, rivolgendosi a bambini italiani, Coniglio Pasquale debba improvvisamente dire keep in touch in inglese e poi aggiungere, erroneamente, che significa “a tra poco” anziché “rimani / rimanete in contatto”. Keep in touch è in ogni caso un’esortazione poco sensata perché implica che ci sia già stata un’interazione da parte degli spettatori.

Mi sembra anche che il coniglio parli così in fretta che se non segnalasse di aver detto qualche parola in un’altra lingua si potrebbe capire tutt’altro (che vitaccia? che vi piaccia?).

Mi piacerebbe quindi sapere se c’è qualche film, telefilm o cartone animato doppiato in italiano in cui è usata l’espressione inglese keep in touch, che per questo dovrebbe risultare familiare ai consumatori delle Uova Kinder, soprattutto ai bambini.

Intanto ho fatto una ricerca in Twitter e ho trovato parecchie occorrenze, ad esempio ho notato che keep in touch viene spesso associato ai ringraziamenti ai [nuovi] follower:

È usato anche come saluto tipicamente itanglese per segnalare la fine di una conversazione con singoli interlocutori, simile a “fatti risentire” (prima o poi).

Non si capisce invece che intenzioni comunicative abbia chi lo usa in tweet generici, che non concludono nessuna interazione, come in questi esempi di un deputato e di un’attività commerciale (probabilmente pensano voglia dire “contattatemi / contattateci” ma fanno confusione tra keep in touch e get in touch):

Concludo con questi due tweet che suggeriscono un uso di keep in touch ormai sufficientemente diffuso da poterlo commentare ironicamente:


Vedi anche: Canzoni, soramimi, buffalaxing e animutation (interpretazioni fantasiose dei versi delle canzoni, come potrebbe essere il mio che vitaccia per keep in touch) e Quando Eminem è meglio di John Wayne… (conoscenze enciclopediche e cultura popolare).

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

3 commenti a “Che vitaccia? Che vi piaccia? Keep in touch!”

  1. 12 marzo 2015 13:42

    Federico:

    Credo che in questi casi “keep in touch” abbia il significato di “continuate a seguirmi/ci per aggiornamenti”, e non un invito a contattare effettivamente chi scrive. Detto questo, concordo che la pubblicità del coniglio pasquale non sia affatto trasparente.

  2. 13 marzo 2015 13:23

    Fabrizio:

    A me, vedendo lo spot, è venuto in mente Ciuchino, il personaggio del film Shrek.
    Per il “keep in touch”, mi è sembrato che, pur dicendolo male, il coniglio volesse dire: “è tra poco che ci rivedremo, perché la caccia alle uova comincia tra poco”.
    Ciao

  3. 16 marzo 2015 15:35

    Licia:

    @Fabrizio, vero, voce molto simile a quella di Ciuchino!

    @Federico e @Fabrizio, però non capisco perché usare keep in touch attribuendole un significato diverso da quello standard. Se proprio volevano usare un’espressione inglese, perché non stay tuned, che avrebbe avuto più senso in questo contesto? Aspettiamo qualche giorno, sicuramente la pubblicità avrà un seguito e forse sarà tutto più chiaro. 😉