Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Calco ortografico: 1000+

1000+ eventi culturali – video di presentazione

più di 1000 eventi culturali – sito del Ministero dei beni cultural

1000+ CULTURAL EVENTS – sito verybello.it

La convenzione inglese del numero seguito dal segno + è sempre più diffusa anche in italiano, ma si tratta dell’ennesimo calco: sono convinta che chi l’adotta ignori che in questo caso in inglese + non rappresenta il simbolo dell’addizione ma l’aggettivo plus che equivale a or more e si pospone al numero (ad es. groups of 20 plus), mentre in italiano usiamo la locuzione più di che precede il numero, quindi non avrebbe molto senso scrivere 1000+.

Ho notato questo esempio nella comunicazione sul numero di eventi che fanno parte dell’ormai famigerata iniziativa VeryBello: nel logo destinato al pubblico italiano l’indicazione è 1000+ CULTURAL EVENTS (in inglese, come se fosse una traduzione lasciata a metà), nel video diventa 1000+ eventi culturali (andrà letto “mille più”? ), mentre nel sito del ministero è usata la formulazione italiana corretta, più di 1000 eventi.

Convenzioni di scrittura

Ognuno ha le sue “fisse” e una delle mie è la convinzione che i siti istituzionali, soprattutto se si occupano di istruzione o cultura, debbano fare particolare attenzione all’uso dell’italiano, anche nelle convenzioni di scrittura.

L’ortografia italiana, ad esempio, prevede che i nomi dei mesi e dei punti cardinali si scrivano con l’iniziale minuscola e non con la maiuscola come in inglese, regola ignorata in verybello.it e in parte nel relativo video, dove si notano parecchie altre incongruenze (ma pare che il sito sia ancora in versione beta, e forse c’è ancora tempo per le revisioni).
.

Vedi anche: L’Abuso delle Maiuscole e La buona scuola, tra anglicismi e sillabazioni (un altro esempio di comunicazione istituzionale con problemi di “maiuscolite”).

Tag: , , ,

Non sono consentiti commenti o ping.

4 commenti a “Calco ortografico: 1000+”

  1. 27 gennaio 2015 18:48

    Andrea:

    Non per difendere il sito, che è un disastro sia per quello che dici tu che per altri motivi (tecnici, di immagine…), però la locuzione “e più” esiste in italiano:
    – mille e più motivi per demolire il sito verybello.it
    – mille e più modi di evitare traduzioni scorrette
    – gruppi da venti e più persone
    e così via.
    per cui “mille e più eventi culturali” a me suona bene.
    Cosa ne dici?

  2. 27 gennaio 2015 23:03

    Licia:

    @Andrea, concordo, in italiano si dice e più, però a differenza dell’inglese c’è anche la congiunzione e poi credo ci sia un’altra differenza: come spiega Carla Bazzanella in Numeri per parlare, di solito consideriamo i numeri cardinali un modo preciso per descrivere una quantità, ma in realtà spesso usiamo i numeri per indicare una quantità indeterminata (ma solo in pochi casi ce ne accorgiamo). Mi pare che in italiano i numeri seguiti da e più, come i due esempi di mille e più che hai fatto, siano un esempio tipico di numeri che non vanno interpretati letteralmente. In inglese, invece, il numero seguito da plus, come l’italiano più di mille, indica una quantità che effettivamente include almeno 1000 elementi e non di meno.

    Nel libro di Bazzanella c’è un esempio molto divertente a proposito di precisione e indeterminatezza dei numeri: un’australiana che parla italiano e che vive da poco tempo in Italia invita degli italiani a cena. Quando distribuisce il contorno chiede “Vuoi dei fagiolini?” a una delle commensali italiane che risponde “Solo due, grazie”, al che l’australiana, molto perplessa, mette due fagiolini di numero nel piatto dell’invitata, che rimane stupefatta. Differenze culturali (e linguistiche) di cui ci si accorge solo in situazioni come questa!

  3. 28 gennaio 2015 00:12

    Andrea:

    @Licia, grazie per la precisazione, hai perfettamente ragione. Ho avuto personalmente più di un’esperienza con il differente approccio riguardo ai nostri “5 minuti” che a seconda dei casi valgono 2, 5, 10, 15 minuti o anche mezz’ora, mentre per un anglosassone o un tedesco sono esattamente 300 secondi…
    Complimenti per il blog e continua così!
    PS: aspetto con ansia le chicche che il sito verybello ci regalerà con le traduzioni!

  4. 28 gennaio 2015 08:13

    Licia:

    @Andrea, grazie :-).
    Per le traduzioni di verybello, speriamo che gli ideatori si riscattino facendole fare a dei professionisti.
    E a proposito del tempo, mi è tornato in mente un vecchissimo post, Torno subito… ma quanto subito? (2008!), con un esempio dall’ormai defunto Windows Live Messenger e una citazione relativa a differenze culturali tra tempo “fisso” (i 5 minuti tedeschi) e “fluido” (i 5 minuti mediterranei).