Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Un insidioso Santuario felino

In italiano un santuario è un edificio o un luogo sacro.

In senso figurato santuario può indicare anche
1 – un luogo, concreto o ideale, che si protegge da qualsiasi intrusione esterna o estranea, ad es. il santuario della famiglia 
2 – un rifugio sicuro e inaccessibile dove si è al riparo da cattura, ad es. i santuari del terrorismo; in questa accezione santuario è un calco dell’inglese sanctuary.

North Carolina, ecco il Santuario per gatti ciechi – Fulvio Cerutti in La Stampa 9 settembre 2014Ho notato anche un altro calco dall’inglese, non ancora registrato dai dizionari:
3 – riserva naturale, ad es. santuario marino (cfr. bird sanctuary, wildlife sanctuary).

In inglese sanctuary ha anche un altro significato: descrive il rifugio dove vengono accuditi e curati animali feriti, maltrattati o abbandonati, ad es. senior dog sanctuary o blind cat sanctuary. In questa accezione la traduzione letterale italiana “santuario” è un falso amico, soprattutto se ha iniziale maiuscola: in italiano il luogo di dimora e rifugio di animali, in particolare di selvaggina, si chiama asilo.
.

Vedi anche: Ami il tuo gatto?

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

3 commenti a “Un insidioso Santuario felino”

  1. 10 settembre 2014 15:30

    Wilson:

    Sarebbe stato meglio Asilo (che immagino abbia origine parallela) 😉

  2. 10 settembre 2014 15:34

    Licia:

    @Wilson, grazie, mi hai tolto quella sgradevole sensazione di “sulla punta della lingua”: sapevo che c’era un’altra parola ma mi sfuggiva. 😉
    L’ho aggiunto al post.

  3. 11 settembre 2014 00:34

    Marco B:

    Da gattaro fanatico approvo e raccomando invece l’uso termine santuario felino, magari dedicato alla dea Bastet 😉