Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Retroformazione: *redarre

“redarre una definizione”?

Insolita coincidenza: ieri in quattro testi diversi ho notato il verbo *redarre, forma errata per redigere ricavata dal participio passato redatto, sul modello di verbi come trarre, contrarre, o dal sostantivo redazione. È un errore molto diffuso: esempi da La Repubblica.

*redarre è un esempio di retroformazione che, come spiega l’Enciclopedia dell’Italiano, consiste principalmente nella “formazione di una parola nuova a partire da una parola già esistente tramite la cancellazione di elementi interpretati (erroneamente) come affissi”, ad es. perquisire da perquisizione e meridione da meridionale, con un processo che agisce per sottrazione: la nuova parola ha una struttura morfologica più semplice rispetto a quella a partire dalla quale è stata formata.

Vedi anche: Retroformazione del singolare

Tag:

Non sono consentiti commenti o ping.

5 commenti a “Retroformazione: *redarre

  1. 10 luglio 2014 10:04

    Luigi Muzii:

    Registro anche un ritorno di fiamma di “manutenere”, in cui, di primo acchito, sono incappato anch’io. Si perdono il congiuntivo e, di conseguenza, la forma di cortesia, a tutto vantaggio dei burocratismi.

  2. 10 luglio 2014 11:29

    Paolo:

    Il verbo redarre ti perplime? 😉

  3. 14 luglio 2014 00:04

    dioniso:

    Ma invece vogliamo parlare di “cool”? 🙂 A dir la verità io quando parlo italiano non ne sento mai la mancanza. “Fico” http://www.treccani.it/vocabolario/tag/fico/ non potrebbe essere una buona traduzione?

  4. 14 luglio 2014 00:20

    dioniso:

    Certo, sicuramente dipende molto dal contesto. E per coolness la cosa diventa più complicata.

  5. 14 luglio 2014 00:35

    Licia:

    @dioniso, anche secondo me cool ha un uso simile a figo (al nord con la g!), e ci sarebbe anche il sostantivo fighitudine. 😉

    Non so se chi ha scritto l’articolo su cool abbia le idee molto chiare, visto che dichiara che cool in inglese ha come significato primario “freddo” e fa riferimento a temperature basse (ma cold, allora, cosa vuol dire?). Mi pare anche che in inglese il sostantivo coolness sia ancora usato soprattutto nelle accezioni meno recenti (quindi “fresco”, “freddezza”, “autocontrollo”), molto meno in contesti dove cool equivale a “figo”, esempi in DANTE e da Google Ngram Viewer