Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Retroformazione: *redarre

“redarre una definizione”?

Insolita coincidenza: ieri in quattro testi diversi ho notato il verbo *redarre, forma errata per redigere ricavata dal participio passato redatto, sul modello di verbi come trarre, contrarre, o dal sostantivo redazione. È un errore molto diffuso: esempi da La Repubblica.

*redarre è un esempio di retroformazione che, come spiega l’Enciclopedia dell’Italiano, consiste principalmente nella “formazione di una parola nuova a partire da una parola già esistente tramite la cancellazione di elementi interpretati (erroneamente) come affissi”, ad es. perquisire da perquisizione e meridione da meridionale, con un processo che agisce per sottrazione: la nuova parola ha una struttura morfologica più semplice rispetto a quella a partire dalla quale è stata formata.

Vedi anche: Retroformazione del singolare

Tag:

Non sono consentiti commenti o ping.

5 commenti a “Retroformazione: *redarre

  1. 10 luglio 2014 10:04

    Luigi Muzii:

    Registro anche un ritorno di fiamma di “manutenere”, in cui, di primo acchito, sono incappato anch’io. Si perdono il congiuntivo e, di conseguenza, la forma di cortesia, a tutto vantaggio dei burocratismi.

  2. 10 luglio 2014 11:29

    Paolo:

    Il verbo redarre ti perplime? 😉

  3. 14 luglio 2014 00:04

    dioniso:

    Ma invece vogliamo parlare di “cool”? 🙂 A dir la verità io quando parlo italiano non ne sento mai la mancanza. “Fico” http://www.treccani.it/vocabolario/tag/fico/ non potrebbe essere una buona traduzione?

  4. 14 luglio 2014 00:35

    Licia:

    @dioniso, in contesti colloquiali cool ha proprio un uso simile a figo (al nord esclusivamente con la g!) e ci sarebbe anche il sostantivo fighitudine. 😉 Va però considerato che in inglese è ormai una parola del lessico comune usata in una gamma di registri molto più ampia e quindi non sempre c’è piena corrispondenza tra cool e figo.


    Nuovo post (settembre 2015): Se Obama dice “cool clock”… con un’analisi delle possibili traduzioni italiane.

  5. 14 luglio 2014 00:50

    dioniso:

    Certo, sicuramente dipende molto dal contesto. E per coolness la cosa diventa più complicata.