Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Expo 2015: Foody & friends

Foody

Sono stati annunciati i vincitori del concorso per i nomi della mascotte di Expo 2015 e dei suoi personaggi: sono Foody (l’insieme di frutta e verdura), composto da Josephine (Banana), Rodolfo (Fico), Chicca (Melagrana), Arabella (Arancia), Gury (Cocomero o Anguria), Manghy (Mango), Piera (Pera), Pomina (Mela), Rap Brothers (Rapanelli), Max Mais (Mais Blu) e Guagliò (Aglio).

Le perplessità che avevo espresso in Mascotte Expo 2015 e nomi internazionali sono state confermate, non solo per questioni di genere ma anche perché alcuni nomi, per quanto efficaci e divertenti in italiano, come Guagliò, non rispettano i requisiti dell’internazionalità e della facilità di memorizzazione e di pronuncia previsti dal concorso.

Pronuncia ostica

Se sono state fatte delle valutazioni di globalizzazione, dovrebbero aver rilevato che i digrammi ch e gh e il trigramma gli vanno evitati: per chi non parla italiano sono difficilmente associabili ai fonemi [k], [g] e [ʎ] e si prestano a interpretazioni diverse.

Il digramma ch, ad esempio, potrebbe essere letto [ʃ] in francese, ] in spagnolo e in inglese e [x], ] o ] in altre lingue germaniche.

Se non si ha familiarità con l’ortografia italiana, poco probabile che il trigramma gli venga riconosciuto come consonante approssimante laterale palatale sonora [ʎ], usata da pochissime lingue e molto difficile da riprodurre correttamente. Dubito che chi non parla italiano possa indovinare che Guagliò si dice / ɡwaʎˈʎo /, oltretutto con consonante geminata, o che dopo avere ascoltato la pronuncia riesca a memorizzarla correttamente.

Problemi di traduzione in inglese

In Fiera Milano premia gli esibizionisti avevo segnalato un uso “creativo” dell’inglese e mi ero chiesta cosa ci saremmo dovuti aspettare da Expo 2015. Purtroppo le prime indicazioni sono pessime, e arrivano proprio dalle pagine sulle mascotte.

MAX MAIS, the blue maisI profili dei personaggi sono palesemente tradotti da persone non di madrelingua, con parecchi errori sintattici, lessicali e “idiomatici”. La pannocchia, ad esempio, è stata descritta come *mais, parola inesistente in inglese (si dice corn).

Ne hanno parlato, con molti dettagli, Traduzioni professionali: Expo 2015 inciampa sull’inglese, Gli incredibili orrori di traduzione in inglese sul sito dell’Expo 2015 fanno arrabbiare tutti e, in inglese, Getting fruity for Expo 2015 with Foody and Friends e No Peanuts! for Translators..

Purtroppo pare proprio che il sito di Expo 2015 voglia imitare il famigerato Italia.it.

Vedi anche: Mascotte Expo 2015 e nomi internazionali e (aggiornamento) Divieto catapulte a Expo 2015.

Tag: , ,

Non sono consentiti commenti o ping.

3 commenti a “Expo 2015: Foody & friends”

  1. 19 marzo 2014 17:20

    Marco:

    Se il buongiorno si vede dal mattino, dopo le opere nate per Expo che non saranno completate in tempo e la pessima qualità del sito inglese, temo fortemente che questa Expo porterà solo danni alla mia povera città 🙁

  2. 19 marzo 2014 20:51

    Marco B:

    Corn è American English, in Inghilterra si usa maize (o almeno così è scritto sulle scatole di polenta, in vendita tra i cibi etnici)… e che non si pronuncia màis come il plurale di mouse 🙂

    Io avrei magari utilizzato il richiamo ad Arcimboldo, e dato alle mascotte i nomi di qualche nostro pittore, anche se mi rendo conto che così si rischia l’effetto Tartarughe Ninja.

  3. 20 marzo 2014 00:10

    Licia:

    @Marco, spero che alla fine funzioni tutto bene, come spesso riusciamo a fare noi italiani all’ultimo momento, ma i segnali finora non mi sembrano molto incoraggianti.

    @Marco B, hai ragione, in Gran Bretagna il mais inteso come pianta è maize, come verdura invece corn: quello in scatola è sweetcorn, mentre corn on the cob sono le pannocchie (baby corn quelle di pochi cm).
    E a proposito della pronuncia di maize, che è /meɪz /, forse ho già raccontato un errore memorabile di cui ero stata protagonista al primo corso di inglese frequentato in Inghilterra: ci avevano chiesto cosa avessimo mangiato a cena la sera prima e io, pensando alla pannocchia di granoturco servita con il burro, avevo risposto /maɪs/. Indimenticabile la reazione dell’insegnante, inorridito: “Mice?!?” Deve essere un errore piuttosto comune per gli italiani perché l’ho visto descritto proprio ieri in Pseudotranslations.