Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Tutta fuffa!

In conversazioni informali ultimamente mi è capitato spesso di usare la parola fuffa, che ritenevo colloquiale e familiare ma diffusa ovunque. Parlando con un ligure, che me ne ha chiesto il significato, ho scoperto che invece si tratta di un regionalismo di origine lombarda.

La parola fuffa è registrata dai vocabolari Zingarelli e Devoto-Oli ma non da Sabatini Coletti e Treccani. Per chi ancora non la conoscesse, ecco la definizione del Devoto-Oli:

2. fig. Chiacchiera senza alcun fondamento o significato, discorso risaputo, luogo comune: i blog sono pieni di fuffa ♦ Apparenza ingannevole e priva di sostanza: la sua famosa competenza è tutta fuffa.

L’accezione 2 è molto utile per discutere di politica italiana.  😉
.

Vedi anche: …e si dice in Lombardia e [aggiornamento] altri usi regionali, dettagli etimologici e neologismi come fuffaware nei commenti qui sotto.

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

17 commenti a “Tutta fuffa!”

  1. 5 marzo 2014 15:43

  2. 5 marzo 2014 16:40

    Mauro:

    Noi liguri siamo più diretti: per le chiacchiere in questione diciamo “tutte balle (o musse)” 😉

  3. 5 marzo 2014 16:52

    Licia:

    @Mauro, 🙂
    Per me però fuffa e balle non sono sinonimi; dico fuffa pensando, per esempio, a parole dette a effetto, che suonano molto bene, ma dietro alle quali non c’è nessuna sostanza, come nei discorsi di certi affabulatori…

  4. 5 marzo 2014 18:36

    Carla Crivello:

    Per curiosità sono andata a cercare “fuffa” nel “Tommaseo-Bellini” on line (attualmente fino alla lettera “G”) e non è registrata. Mi ha colpito “fuffigno”: … qualunque confusione o imbroglio che s’incontri nelle fila d’un tessuto… Ed è proprio da “fuffigno” che – riporta Wikipedia – il dizionario De Mauro fa derivare l’origine di “fuffa”. A questo punto: mah.

  5. 5 marzo 2014 18:48

    Licia:

    Grazie Carla, non mi era venuto in mente di provare a cercare anche in Wikipedia. Interessante questo dettaglio: “La fuffa è la tipica lanetta che si forma nei tessuti e che in genere si rimuove poiché anti-estetica. Proprio questa connotazione ha fatto sì che venisse usato in senso lato per indicare un eccesso inutile. Può indicare anche l’accumulo di peli che si verifica negli animali o l’accumulo di polvere in batuffoli”. Mi ha colpita perché fuffa mi è sempre parso un nome adatto a descrivere i gatti di polvere; pensavo che la mia fosse un’associazione influenzata dalla parola inglese fluff, ma vedo che anche la voce di Wikipedia fa notare l’assonanza.

    A proposito, ma della tue parti fuffa si usa?

  6. 5 marzo 2014 19:01

    Carla Crivello:

    In Piemonte (forse) ne siamo sprovvisti 😉 Un caro saluto a te e agli assidui commentatori.

  7. 5 marzo 2014 21:32

    Mauro:

    @ Licia

    Infatti le parole non sono sinonimi. Assolutamente no.
    È il concetto della frase che è lo stesso. Assolutamente identico.

    Saluti,
    Mauro.

  8. 6 marzo 2014 09:10

    Marco:

    Grazie Licia, non sapevo che fosse un regionalismo lombardo!

    Ho sempre odiato il nome “leva pelucchi”, a questo punto propongo di chiamarlo “leva fuffa” 😉

    Mi ha colpito che il Devoto-Oli abbia scelto come esempio dell’accezione 2 “I blog sono pieni di fuffa”, il che in certi casi è vero, ma non sempre, ad esempio questo blog è al contrario pieno di perle 🙂

  9. 6 marzo 2014 13:43

    F.:

    Ma se dovessimo tradurre “fuffa” in inglese, invece?

  10. 6 marzo 2014 15:06

    Licia:

    @Marco, 🙂
    Neanch’io mi ero mai resa conto che fosse un regionalismo lombardo, devo averlo “assorbito” senza rendermene conto, mentre di solito tendo a notare le parole che non appartengono al mio lessico (intanto ho aggiunto il riferimento a …e si dice in Lombardia). Ieri ho sentito un po’ di persone in Romagna e a Bologna e ho scoperto che chi ha vissuto a Milano, anche brevemente, conosce la parola (ma non la sente marcata come regionalismo), mentre gli altri non la usano.
    Anch’io sono molto divertita dall’esempio usato dal Devoto-Oli, che tra l’altro segnala che la voce dovrebbe essere abbastanza recente.

    @F., bella domanda! A me viene in mente bullshit nella sua accezione “insincere, pretentious or unnecessary talk”, ma le connotazioni e il registro sono del tutto diversi: fuffa è una parola colloquiale ma neutra, addirittura graziosa, mentre bullshit è volgare. Un po’ più attenuata è l’abbreviazione bull ma rimane comunque volgare (e credo sia usata soprattutto negli Stati Uniti). Mi vengono in mente sostantivo e verbo drivel che però non sono informali come fuffa. Ci sarebbe anche codswallop, decisamente più informale e molto britannico. Nessuno di questi però equivale a fuffa.

  11. 6 marzo 2014 17:56

    Licia:

    Aggiungo alcune informazioni sull’uso in regioni diverse dalla Lombardia:

    Aggiungo anche che si sta diffondendo sempre più l’espressione tutto il resto è fuffa, usata come frase conclusiva di un commento che non ammette repliche.

  12. 6 marzo 2014 18:09

    Marco:

    Licia, scusa l’OT, ma sul post in cui ne parlavi i commenti sono chiusi.
    Comunque di roba lombarda sempre si tratta 😉

    Il nome ufficiale della mascotte di Expo 2015 è… Foody:
    http://www.expo2015.org/area-stampa/comunicati-stampa/e-arrivato-foody

    Qui ci sono invece i nomi dei singoli personaggi che danno vita alla mascotte:
    http://www.expo2015.org/foody

  13. 6 marzo 2014 18:30

    Licia:

    @Marco, grazie! Molto interessante, specialmente perché non tutte le scelte sono congruenti con il regolamento del concorso.

    (ho dovuto chiudere i commenti a Mascotte EXPO 2015 e nomi internazionali perché era bombardato dallo spam)

  14. 6 marzo 2014 20:59

    Marco B:

    Citerei anche il neologismo fuffaware, che indica quei prodotti software ricchi di annunci marketing, e poveri di sostanza. E’ la versione italiana di vaporware.

  15. 6 marzo 2014 21:12

    Licia:

    @Marco B, fuffaware è bellissimo, grazie di avermelo fatto scoprire!

  16. 7 marzo 2014 14:46

    Marco:

    @Marco B
    Fuffaware è davvero stupendo! D’ora in poi non userò più il termine vaporware ma solo fuffaware.

  17. 15 maggio 2014 13:49

    Licia:

    Umorismo in tema!

    Scarica gratis la Ciuccia Fuffa APP, la prima app che non serve assolutamente a nulla e pesa ben 15 gigabyte