Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Weekend, whisky, windsurf e Windsor

stemma della famiglia reale britannica: i Windsor o gli Windsor? Frase da un articolo sulla famiglia reale britannica:

Il principe ha potere di veto solo sulle leggi che riguardano direttamente gli interessi della sua famiglia, cioè gli Windsor.

L’articolo gli davanti a Windsor non mi suonava corretto, ma riflettendo sulla pronuncia della parola non ero più del tutto convinta neanche da i, così ho cercato spiegazioni e ho scoperto un esempio di ortografia che può influenzare la grammatica.

Tutte le parole che iniziano per w  sono di origine straniera. La lettera w può avere due pronunce: 1) la consonante [v] come in water (e vaso) e 2) la semiconsonante [w] come in web (e uomo). Che articolo si usa nel caso 2)? Lo spiega il linguista Luca Serianni: 

L’astratta logica grammaticale vorrebbe che davanti a whisky o Webster figurasse lo stesso articolo eliso l’ che tutti adopereremmo davanti a una parola come uomo. In realtà l’uso tende a preferire il, probabilmente perché all’occhio del lettore italiano la lettera w è una consonante, qualunque sia il valore fonetico che ha nella lingua straniera di partenza. Per lo stesso motivo si dice uno swatch, anche se la sequenza dei suoni in [swɔtʃ] è la stessa di suocero: anche in questo caso la lettera w viene percepita, indipendentemente dalla pronuncia, come una consonante e quindi, in combinazione con s, richiede l’articolo lo come in svogliato o svolazzo.  [Grammatica italiana  – Garzantine]

Al plurale si dice quindi i weekend, i whisky, i windsurf… e i Windsor.

Vedi anche: Ortografia italiana e prestiti dall’inglese e Lo hashtag, l’hashtag e #ashtag.

Tag: , ,

Non sono consentiti commenti o ping.

7 commenti a “Weekend, whisky, windsurf e Windsor”

  1. 16 agosto 2013 10:26

    .mau.:

    c’è qualcosa di simile anche con le parole inglesi che iniziano per h (aspirata). Io non riesco a scrivere “lo hub”, ma probabilmente perché lo pronuncio “làb” (in italiano, intendo, non in inglese)

  2. 16 agosto 2013 13:55

    Licia:

    @.mau., la pronuncia di parole straniere in italiano può essere influenzata da fattori diversi, ad es. se il prestito è entrato nell’uso attraverso la lingua scritta o parlata, però la h iniziale rimane sempre muta, a meno che non si voglia optare per una pronuncia affettata, e nello scritto si segue il modello di l’ho, l’ha, l’hanno.

    Vecchissimo post: Parla come mangi 1

  3. 16 agosto 2013 14:10

    Mauro:

    In realtà water andrebbe pronunicata “uoter”… ma nessuno lo fa…
    Saluti,
    Mauro.

  4. 16 agosto 2013 14:26

    Licia:

    @Mauro, ma ormai è una parola italiana, che non ha nulla a che fare con l’acqua inglese. 😉

  5. 16 agosto 2013 14:52

    Mauro:

    Questo è anche vero 😉

    Però bidet, parola francese non italiana, quasi tutti la pronunciano correttamente “bidè”.

    Questa è discriminazione contro il uoter! 😀

  6. 21 agosto 2013 01:58

    Riccardo Schiaffino:

    Il Gabrielli, però, non era d’accordo con Serianni:

    L’whisky o il whisky?

    * Si deve dire l’whisky o il whisky? La seconda forma è quella che vedo comunemente usata.

    È certo la forma più comunemente usata, ma è anche indubbiamente una forma sbagliata. La norma che regola l’uso dell’articolo italiano dinanzi ai nomi stranieri è molto semplice, e non può essere se non la stessa che regola l’uso di questo articolo dinanzi ai nomi italiani. Una delle due: o leggiamo i nomi stranieri (whisky, west, water, week-end, ecc.) come sono scritti (cioè viski, vest, vater, vikend), e allora diremo ovviamente il whisky, il west, il water, il week-end; o li leggiamo come in realtà si pronunziano (uìski, uèst, uotë, uikènd), e allora non avremo altra forma possibile se non l’whisky, l’west, l’water, l’week-end. Chi sostiene il contrario (e non ne mancano) dovrebbe prima dimostrare che in italiano sono preferibili le forme “il uomo” [e] “il uovo”[…]

    (Aldo Gabrielli, Si dice o non si dice?, Mondadori, 1969).

    Detto questo devo confessare che per quanto sia fedele al Gabrielli anch’io scrivo “il whisky”, ecc. Battaglia ormai persa, questa.

  7. 21 agosto 2013 12:42

    Licia:

    Grazie Riccardo. Davvero, quella di Gabrielli è una battaglia persa fin dall’inizio, anche in contesti più controllati come possono essere i libri, come mostra Google Ngram Viewer.