Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Polli (e altri metaforici volatili)

In treno mi sono dovuta sorbire la telefonata di un tipo, molto pieno di sé, che a voce estremamente alta si vantava di un lavoro a Londra e di come si era “intortato” chi gli aveva fatto il colloquio, spiegando alla sua interlocutrice: “Hai presente quel proverbio inglese, I know my chicken?

Mi ha fatto ridere perché non conoscere i propri polli (plurale!) è un modo di dire italiano, non inglese. Ho concluso che chi si fa abbindolare dal tipo deve essere un vero pollo, il che mi ha fatto pensare ai volatili che in senso figurato possono descrivere persone. galletto

Con un aiuto del Dizionario Analogico, ecco il mio elenco: pollo, gallo, galletto, gallina, pollastrella, oca, pavone, aquila, civetta, allocco, gufo, barbagianni, avvoltoio, falco, colomba, pappagallo, merlo, tordo (da cui deriva stordire), passerotto, scricciolo, cornacchia, usignolo, uccello (o corvo) del malaugurio e uccel di bosco. Cosa ho dimenticato?

Vedi anche: Verbi inglesi con etimologia “animalesca”

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

9 commenti a “Polli (e altri metaforici volatili)”

  1. 7 giugno 2013 09:33

    .mau.:

    hai controllato a http://www.parolata.it/Utili/Etimologie/Animali.htm ?

    (aggiungerei “bofonchione” da gufo (bufo bufo) e sicuramente chioccia)

  2. 7 giugno 2013 10:09

    .mau.:

    (ah, pensavo che chiunque dicesse “I know my chicken” – io lo faccio spesso – lo facesse scherzosamente)

  3. 7 giugno 2013 11:21

    Licia:

    @.mau., grazie per il link e gli esempi. Aggiungo pulcino.
    Anch’io conosco chi scherzosamente dice I know my chickens ma in questo caso l’ho notato perché il tipo non era affatto ironico e trattava la persona al telefono come se capisse poco o nulla, mentre lui, uomo di mondo, doveva accertarsi che conoscesse anche i “proverbi” inglesi… :-S

  4. 7 giugno 2013 12:24

    Alice:

    Papera! Non avevo mai pensato alla traduzione inglese di quell’espressione, così sono andata a dare un’occhiata in giro e ho trovato invece un altro modo di dire che non conoscevo. Non traduce “Conosco i miei polli”, ha un altro significato e non ho riguarda manco gli occelli, ma l’ho trovata così carina! http://www.phrases.org.uk/meanings/know-your-onions.html

  5. 8 giugno 2013 08:32

    Ilaria:

    In four and four eight – come recita il noto modo di dire inglese – ecco qui: il salto della quaglia! 🙂

  6. 8 giugno 2013 10:04

    Vanamonde:

    Mau, guarda che “bufo bufo” è il nome scientifico del rospo, non del gufo.

  7. 8 giugno 2013 17:59

    Silvia Pareschi:

    Uhm… fringuello?

  8. 10 giugno 2013 08:36

    Licia:

    Grazie a tutti per gli esempi!

  9. 10 giugno 2013 10:21

    .mau.:

    @Vanamonte: evidentemente quando ho studiato quei nomi dormivo 🙂