Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

“tutto italiano”

Sono riuscita ad ascoltare solo oggi il podcast della puntata del 30 marzo di La lingua batte e mi ha subito colpita la pubblicità iniziale, che comincia con Oggi il cloud porta il sereno sul tuo business e termina con Scegli hosting solutions, il cloud computing tutto italiano.

Incuriosita, ho dato un’occhiata al sito (dell’azienda Genesys Informatica Srl) e ho notato che ci sono più parole inglesi che italiane, a partire dalla tagline (!) out of the box:

Hosting solutions out of the box

Quel tutto italiano nella pubblicità sarà ironia involontaria o forse una trovata per attirare l’attenzione degli ascoltatori interessati alla lingua e al suo lessico? Con me ha funzionato! 😉

Vedi anche: L’invasione degli anglicismi (i forestierismi nei linguaggi speciali, come l’informatica) e il cloud e la cloud e lost in the cloud (la scarsa trasparenza della metafora del cloud computing).

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

4 commenti a ““tutto italiano””

  1. 6 aprile 2013 12:40

    Andrea:

    Dubito che sia mirata perché la stessa pubblicità si ascolta su altri podcast della rai non inerenti l’italiano.
    Penso voglia sottolineare il valore aggiunto di una compagnia (stavo per scrivere company 😉 ) italiana, ma poi c’è poco da fare in informatica si parla inglese.

  2. 6 aprile 2013 12:52

    Daniele A. Gewurz:

    Grazie per la segnalazione, Licia!

    @Andrea: Se già che ci sei dici “società” o “azienda” anziché “compagnia”, eviti anche il calco recente dall’inglese… 😉

  3. 6 aprile 2013 14:15

    Francesco:

    Forse lo slogan migliore sarebbe “tutto (fuorché in) italiano”! 😀

  4. 6 aprile 2013 21:10

    Licia:

    Ho ascoltato in podcast anche la puntata di oggi, e c’era la stessa pubblicità!

    Puntata molto piacevole, in particolare mi sono piaciuti gli interventi di Giuseppe Antonelli e Valeria Della Valle e di sui tormentoni, come un attimino, quant’altro e piuttosto che (che io detesto), e di Luisa Carrada sul suo libro Lavoro, dunque scrivo!