Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Keming

A proposito di parole nate per sbaglio, può succedere che alcune lettere vengano confuse per problemi di crenatura, la gestione dello spazio in eccesso tra i caratteri. Con alcuni tipi di carattere (font), ad esempio, le lettere rn troppo ravvicinate sembrano una m e la combinazione cl invece può apparire come d.

In inglese la crenatura si chiama kerning e qualche anno fa è stato inventato un nome per descrivere il fenomeno, keming (“the result of improper kerning”), che si fa notare soprattutto per le interpretazioni volgari di parole che invece sono del tutto neutre, come final e flickering:

FINAL REGISTRATION  Flickering Lights
  Immagini: fuckyeahkeming.com

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

6 commenti a “Keming”

  1. 6 marzo 2013 09:31

    .mau.:

    Calibri è in effetti un generatore di keming (e io devo usarlo 🙁 )

    Però esiste anche un keming inverso, ci sono certi segnali dell’INAIL che io ho sempre letto come INCUL…

  2. 6 marzo 2013 17:20

    Licia:

    @.mau., ho dovuto cercare il logo INAIL per capire, e in effetti…

    INAIL

    Stamattina ho accompagnato una persona in ospedale e mentre aspettavo mi è caduto l’occhio su un enorme manifesto con i dettagli dei servizi dove gli spazi sembravano messi a caso: c’era sia quello che hai chiamato “keming inverso” che addirittura una crenatura (!!) cosi spinta che erano sparite due lettere dal nome del reparto, molto evidente perché i caratteri erano alti qualche cm! Non ho potuto fare a meno di fare qualche foto, guardata con grande sospetto da tutte le persone nella sala d’attesa. Ecco qualche dettaglio:

    Gastroenterologia o Gastoenterolgia?

    (la freccia l’ho aggiunta io)

    In realtà probabilmente non è un problema di crenatura ma di importazione di un PDF senza disporre del file originale, però mi sembra strano che nessuno si sia accorto di tutti questi problemi al momento della stampa.


    PS A me invece il Calibri piace molto e non mi sembra così malvagio… 😉

  3. 6 marzo 2013 18:39

    Francesco:

    L’URL di questo post andrebbe salvato e messo in cassaforte o mandato nello spazio per l’eternità!

    😀 😀 😀 😀

  4. 6 marzo 2013 21:08

    Drone:

    Il vecchio logo di Acea aveva una la parentesi davanti che sembrava una C e la “e” poteva sembrare un’altra “c”.
    http://energia.usb.it/uploads/pics/energia_acea_roma_01.jpg

  5. 12 marzo 2013 17:59

    BEP:

    C’è un “keming” che mi accompagna sin dall’infanzia, è il logo di un’azienda sulla strada che portava da mia nonna… a voi giudicare.

    http://www.agustoni.com/immagini_gallerie/Kerax%20Otto%20Scerri_galleria.jpg

    otto scerri

  6. 12 marzo 2013 18:20

    Licia:

    @BEP, fantastico, un vero keming italiano!!!