Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Sindrome da vibrazione fantasma

In Australia è stata scelta come parola (polirematica) del 2012 ma esiste già da qualche anno: è la phantom vibration syndrome, la sensazione che il telefonino che si ha in tasca stia segnalando l’arrivo di una telefonata o di un messaggio inesistenti. A quanto pare non è solo un’illusione: la sensazione potrebbe essere dovuta a una minima scarica elettrica che può verificarsi quando il telefono si collega a una diversa cella radio.

Le donne di solito tengono il telefono in borsa e quindi credo che la sindrome da vibrazione fantasma sia un problema soprattutto maschile. Io però ho provato qualcosa di simile, la sindrome del telefono fantasma (in inglese phantom phone [ringing] syndrome) che è la sensazione di sentire un telefono che suona mentre si usa il phon o si fa la doccia o altre attività rumorose. È un fenomeno psicoacustico che Wikipedia definisce “una sorta di pareidolia acustica”; è dovuto all’importanza che il nostro orecchio dà a una gamma specifica di frequenze, come spiega Hear Ringing and There’s No One There. I Wonder Why che cita anche altri neologismi inglesi per descrivere questa sensazione, tra cui le parole macedonia ringxiety e fauxcellarm (false cell [phone] alarm) e hypovibrochondria.

Vedi anche Paure moderne: nomofobia.


Aggiornamento – In una striscia di Dilbert del 1996 si trova già phantom-pager syndrome, la sindrome del cercapersone fantasma:

Dilbert: “ON WEEKENDS I’LL FEEL MY PAGER VIBRATE… BUT WHEN I GO TO CHECK IT, I REALIZE I’M NOT WEARING IT” Psicanalista: “IT’S A CLASSIC CASE OF PHANTOM-PAGER SYNDROME. IT’S COMMON AMONG TECHNOLOGY WORKERS. THERE IS NO TREATMENT FOR IT” Dilbert: “I DON’T WANT TO TREAT IT. I WANTO TO RELOCATE IT”

Negli Stati Uniti i cercapersone erano dispositivi molto più diffusi che in Europa, cfr. Paese che vai: SMS e cercapersone.

Tag: , ,

Non sono consentiti commenti o ping.

9 commenti a “Sindrome da vibrazione fantasma”

  1. 15 febbraio 2013 11:27

    Watkin:

    Cavolo, pensavo di essere l’unico matto a sentire suonare il telefono quando faccio cose rumorose! In particolare ho notato che mi sembra di sentirlo quanto il rumore è tale che, se davvero il cellulare suonasse in quel momento, in realtà ben difficilmente lo percepirei

  2. 15 febbraio 2013 12:30

    Lele:

    Io invece ho provato la phantom vibration syndrome. Però ero convinto che fosse dovuta, piuttosto che a scariche elettriche, ai movimenti peristaltici. 😉

  3. 15 febbraio 2013 12:47

    Marco:

    Grazie Licia, come Watkin scopro con piacere di non essere il solo a sentire suonare il telefono o il cellulare quando ci sono rumori intorno 🙂

  4. 15 febbraio 2013 18:30

    Mari:

    io il telefono lo tengo in borsa, non lo sento mai, ma mi capita spesso la sensazione di sentirlo vibrare. per fortuna c’é una definizione (diversa da paranoia :))

  5. 16 febbraio 2013 01:22

    Silvia Pareschi:

    Certo che quelle due parole macedonia sono proprio bruttine. Ne soffro anch’io, ovviamente (credo che ne soffrano tutti), ma quando sono negli Usa non ho il telefono e sono felice di liberarmi, insieme a esso, anche della sindrome.

  6. 16 febbraio 2013 11:41

    Licia:

    Mal comune mezzo gaudio! 😉
    Per qualche strano motivo la sindrome del telefono fantasma ce l’ho solo in uno specifico bagno e riguarda solo il telefono fisso: altrove non mi succede.
    Invece per ora non soffro proprio di nomofobia: anch’io non sento quasi mai il telefonino quando è nella borsa, però pur sapendolo non mi ricordo di controllare…

  7. 17 febbraio 2013 22:05

    Nautilus:

    Mai capitato nulla del genere, ma consideralo un contributo statistico e niente più 🙂

  8. 19 febbraio 2013 16:44

    Michele:

    Io sono andato addirittura oltre.
    Sento delle vibrazioni nella tasca sinistra, dove di solito tengo il telefono, anche se in quel momento non l’ho in tasca!
    Spesso faccio per prenderlo e invece è magari sulla scrivania…

  9. 15 marzo 2013 12:59