Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Retroneologismi e retronimi

Giochi di parole nel Portale Treccani, che propone il concetto di retroneologismo: un “neovocabolo o neosintagma già introdotto in una lingua, usato in una nuova accezione a partire da un’alterazione studiata o fortuita della sua grafia”.

Esempio: bronch, “atteggiamento di sufficienza, fastidio o immusonimento nei confronti del brunch,  […] in cui, nonostante l’apparente abbondanza di piatti, si finisce per non mangiare abbastanza e per parlare troppo”. Altri esempi di retroneologismi: stalinoso, eufemminismo, eurotismo, santaclaustrofobia.

immagine di telefono a discoFacezie a parte, esiste invece il concetto di retronimo, un neologismo sintattico creato a partire da un termine già esistente ma non più adeguato a definire un concetto che nel frattempo si è evoluto o specializzato, come ad es.  telefono fisso e telefono a disco (un tempo semplicemente telefono), macchina fotografica analogica, televisione in bianco e nero.

Tag: , ,

Non sono consentiti commenti o ping.

3 commenti a “Retroneologismi e retronimi”

  1. 24 gennaio 2013 09:43

    .mau.:

    “retroneologismo”, coi due prefissi appiccicati, è bruttissimo. Sarebbe stato molto meglio “retrologismo”. (“paleologismo” direi non darebbe l’idea, non trovate?)

  2. 24 gennaio 2013 11:07

    Licia:

    @.mau., a me diverte molto il tipo di invenzione lessicale ma non mi è chiaro perché sia stato scelto proprio il prefisso retro, che indica “movimento all’indietro o posizione arretrata rispetto ad altro oggetto, più spesso in senso spaziale che temporale” (perfetto invece per il concetto di retronimo).

  3. 24 gennaio 2013 15:24

    .mau.:

    penso che il “retro-” sia legato al dire “ecco, se in passato avessimo avuto quel concetto l’avremmo chiamato così”. L’accezione è nuova ma il sintagma no (a parte che per me santaclaustrofobia è un neologismo e bon)