Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Esche digitali: click bait

Dopo il post di ieri, devo ammettere che anch’io sono una vittima di un particolare tipo di click bait: se nelle home page di alcuni media italiani vedo le firme che associo a notiziole tradotte goffamente dall’inglese, spesso apro gli articoli per vedere che errori ci sono.

esempio di clickbaitIn inglese click bait descrive un’immagine, un titolo o un link di una pagina web che attira l’attenzione dei lettori che, “adescati”, ci fanno clic sopra. Lo scopo più comune degli “acchiappaclic” è quello di generare traffico, ad es. verso pagine con pubblicità, ma possono esserci anche finalità fraudolente.

Altri tipi di esche (bait) digitali sono post, messaggi o altri contenuti pubblicati sui social media con immagini o video scelti appositamente per indurre chi li vede a condividerli (share bait) o, per chi usa Facebook, a premere il pulsante Like / Mi piace (like bait).


Vedi anche: Phishing: truffa, spillaggio, abboccamento? (il più noto esempio della metafora del prendere all’amo in un contesto web).

clickbait cartoon by Jim

Tag:

Non sono consentiti commenti o ping.

2 commenti a “Esche digitali: click bait

  1. 19 ottobre 2012 10:47

    Mauro:

    Mi stai dicendo in maniera subliminale che non devo più cliccare su Terminologia? 😉

    Saluti,

    Mauro.

  2. 19 ottobre 2012 11:39

    Nautilus:

    Alcune di queste esche nascondono immagini repellenti o suoni/rumori inattesi sparati a volume altissimo (o, peggio ancora, una combinazione delle due cose). Tuttavia non so dire se in questo caso si utilizzi un nome specifico per descriverle.