Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

La gatta curiosa non va al lardo

Diversi dizionari bilingui indicano che l’espressione inglese curiosity killed the cat corrisponde a quella italiana tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino.

curiosity killed the catIl significato e l’uso nelle due lingue non sono però equivalenti:

la frase inglese è molto comune e si usa per scoraggiare dal fare troppe domande (chi cerca di farsi gli affari altrui potrebbe subire conseguenze indesiderate);

la frase italiana è meno frequente ed è un ammonimento: chi commette azioni disoneste prima o poi verrà scoperto e punito.
Vignetta: shoebox

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

4 commenti a “La gatta curiosa non va al lardo”

  1. 2 ottobre 2012 12:49

    Marco:

    Grazie Licia, anch’io ho sempre pensato che le due espressioni non fossero equivalenti, e mi stupivo sempre trovando quella italiana proposta come traduzione di quella inglese…

  2. 2 ottobre 2012 17:28

    Licia:

    @Marco, è un’espressione che mi è sempre piaciuta molto. Mi domando se al suo successo abbiano contribuito anche aspetti prosodici: i due sostantivi e il verbo iniziano tutti con /k/.

    Sembra comunque che la frase originale, in uso già ai tempi di Shakespeare, fosse care killed the cat (care aveva il significato di “preoccupazione”, “dispiacere”) e la forma con curiosity si sia diffusa solo all’inizio del secolo scorso.

  3. 3 ottobre 2012 12:11

    Marco:

    Sì, anche a me l’espressione “curiosity killed the cat” è sempre piaciuta molto 🙂 Concordo che dipende in parte dalle tre iniziali /k/.
    Molto interessante anche l’evluzione da “care” a “curiosity”.
    Infine, come certamente saprai, c’era un gruppo pop inglese degli anni ’80 che si chiamava proprio Curiosity Killed the Cat.
    Non penso che un gruppo musicale italiano che si chiama “Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino” avrebbe molto successo 😉

  4. 3 ottobre 2012 15:29

    Licia:

    @Marco, il gruppo inglese non mi era venuto in mente, è un ottimo esempio. Grazie!