Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Cocomeri strampalati

testo cartello: COCOMERI  STRAMPALATI   ITALIA   Quiz di ferragosto per non romagnoli:
 
Che caratteristiche ha il vegetale venduto nel chiosco di Mastèl?

Ho fotografato questo cartello a Lugo (Ravenna) perché in due parole ci sono due modalità di variazione diatopica, il fenomeno per cui una lingua può cambiare in relazione al luogo.

Cocomero è uno degli esempi più citati dai linguisti per illustrare due tipi di regionalismi:

geosinonimi, parole diverse che in luoghi diversi sono usate per descrivere gli stessi concetti  – lo stesso frutto si chiama anguria in gran parte del nord Italia, cocomero al centro e in Romagna e melone d’acqua al sud;
geoomonimi, parole identiche che in luoghi diversi sono associate a concetti diversi in alcune zone del nord cocomero descrive una verdura, il cetriolo.

Anche strampalato può essere considerato un geoomonimo. Tutti sappiamo che in italiano significa “stravagante / sconclusionato / non conforme alla norma”.

gombarIn alcune zone della Romagna, invece, il significato di strampal(l)ato è “fuori dal comune” ma con l’accezione del tutto positiva di “eccezionale / superlativo”, ad esempio mi viene in mente una nonna che raccontava orgogliosa del nipote che all’università prendeva sempre voti strampalati.

Ho voluto chiedere anche all’autore del cartello cosa intendesse esattamente con cocomeri strampalati. La risposta è stata “cocomeri non plus ultra”. E in effetti quello che ho comprato era davvero ottimo.

Buon ferragosto a tutti!
.

Vedi anche: La barosola (con quiz per non romagnoli) e post con esempi di regionalistmi.


Aggiornamento agosto 2014 – In Geosinonimi italiani in ALIQUOT, la carta dinamica con la distribuzione geografica delle diverse parole con cui viene chiamato questo frutto in Italia.

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

10 commenti a “Cocomeri strampalati”

  1. 13 agosto 2012 12:25

    Mauro:

    Tra i sinonimi dell’anguria hai dimenticato pateca 🙂

    Saluti,

    Mauro.

  2. 13 agosto 2012 12:45

    Licia:

    @Mauro, grazie, parola per me nuova :-). Ma in che parte d’Italia si usa?

  3. 13 agosto 2012 13:31

    Luigi Muzii:

    Cocomero non è un regionalismo: lo sono anguria e pateca, appunto (cfr. Treccani, http://www.treccani.it/vocabolario/cocomero/).

  4. 13 agosto 2012 21:39

    Laura:

    I miei parenti di Reggio Emilia dicono cocomera.

  5. 13 agosto 2012 23:14

    massimiliano:

    pateca si usa da noi a Genova e in Liguria (cfr il francese pastèque..) ciao e complimenti per il sito.

  6. 14 agosto 2012 17:25

    Mauro:

    @ massimiliano

    Grazie per aver risposto al posto mio, mi era sfuggita la domanda di Licia.
    Però mi sembra che pateca, pur essendo parola ligure, si sia ormai allargata a un’area più vasta.

    Saluti,

    Mauro.

  7. 14 agosto 2012 17:28

    Mauro:

    Comunque a me piace il nome scientifico latino: citrullus lanatus.

    Insomma se vuoi dar del citrullo a qualcuno, dagli del cocomero 😀

    Saluti,

    Mauro.

  8. 14 agosto 2012 19:22

    Licia:

    Grazie a tutti per i dettagli.

    @Mauro 🙂 Ancora più divertente per me perché in Romagna si dà del gombar (cocomero in dialetto) a qualcuno che è un tontolone o un credulone.

    @Laura, in Romagna invece credo che il sostantivo femminile cocomera indichi una varietà particolare, invernale, che serve a fare marmellate.

    @Mauro e @massimiliano, ho visto che il Vocabolario Treccani registra anche pasteca come voce ligure per l’anguria. Sapete per caso se la forma con la s è un’ulteriore variante regionale? Forse dovrei andare a fare qualche indagine in loco ;-).

  9. 15 agosto 2012 14:29

    Massimiliano:

    Credo che pasteca sia una variante dell’estremo ponente ligure. Nel ‘genovese’ ho sempre sentito dire pateca.. Indagherò meglio 🙂

  10. 20 agosto 2012 13:40

    Valentina:

    Buongiorno,
    complimenti per il blog.
    Confermo che nella bassa bolognese il termine comunemente usato è “cocomera” (in dialetto “cucombra”). Si tratta proprio della comune anguria/cocomero, non è una varietà invernale.