Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Cronaca italiana: giochi proibiti ai giardinetti

altalenaÈ iniziata la silly season? Nel sito del Corriere della Sera da ieri è in rilievo la notizia che la polizia locale del comune di Dorno (Pavia) ha multato una signora sorpresa su un’altalena del parco cittadino perché il gioco è riservato ai minori di 12 anni.

Un dettaglio che mi ha colpita è la descrizione dell’altalena:  

L’altalena in questione è del tipo detto «See Saw» (in Italia «din-don» o «salta salta») a due posti, dove una persona fa da contrappeso all’altra.

Forse il Corriere, per risparmiare, ha esternalizzato la cronaca italiana a una redazione con sede in qualche paese di lingua inglese, ad es. l’India, e quindi dal punto di vista di chi scrive è normale specificare in Italia? O forse finora ci è sfuggito che in provincia di Pavia c’è un’enclave inglese dove i giochi non hanno nomi italiani e l’altalena si chiama seesaw se la tavola è in equilibrio su un sostegno e swing se invece è sospesa?

La notizia è così locale che non si può dare la colpa a una traduzione frettolosa. Sarei curiosa di sapere cosa ha spinto l’autore a usare l’ennesimo forestierismo superfluo
.

Vedi anche: Distributore automatico e vending machine.

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

14 commenti a “Cronaca italiana: giochi proibiti ai giardinetti”

  1. 26 luglio 2012 15:59

    Nautilus:

    A costo di sembrare noioso faccio notare l’apostrofo (giu’) al posto dell’accento (giù), segni grafici con funzioni molto diverse tra loro.

    È evidente che in questo caso i giornali funzionano da cattivi maestri. Forse perché, a loro volta, i giornalisti che vi lavorano hanno avuto cattivi insegnanti. E siamo così in un circolo vizioso in cui è impossibile dire chi sia all’origine della “colpa”. Un po’ come nel caso di “è nato prima l’uovo o la gallina?”.

    A proposito: è nato prima l’uovo. Le uova c’erano già al tempo dei dinosauri, le galline sono venute dopo 🙂

  2. 26 luglio 2012 19:06

    Rose:

    @ Nautilus

    Un credente direbbe che è venuto prima l’animale. La battuta è: “Ce lo vedi Dio a ‘fare l’uovo’?”

    @ Licia

    Certo la notizia non sembra di quelle clamorose, a meno che la signora non sia stata multata di parecchio, ma proprio parecchio, per rilanciare l’economia. 😉
    Quanto al forestierismo, dal momento che c’è questa mania, perchè i giornalisti non fanno un bel corso di pronuncia inglese? Ce ne sarebbe un grande bisogno.

  3. 26 luglio 2012 19:09

    Suom(I)taly:

    In un recente articolo dell’ANSA è stato usato “surmenage”. Potrebbe rientrare anche questa parola nella categoria dei forestierismi superflui?

  4. 26 luglio 2012 19:31

    Licia:

    @Nautilus, sapevo che avresti notato l’apostrofo 😉

    @Rose, la multa era da 100 €, davvero una notizia da prima pagina!!!!  Concordo sui problemi di pronuncia, che secondo me va bene adattata alla fonologia italiana ma non deve essere palesemente errata.

    @Suom(I)taly, confesso che ho dovuto controllare il significato di surmenage perché non ero sicura (lo confesso: ho una specie di idiosincrasia per le parole francesi e questa non ha mai fatto parte del mio vocabolario) e ho scoperto che lo Zingarelli indica che è in uso in italiano dal 1905, quindi credo non andrebbe più considerata un forestierismo… a meno che il giornalista non la pronunci “surmenèig”, pensando che sia inglese, come stage!!


    PS A proposito di uova e galline, una certezza io ce l’ho: in italiano viene prima l’uovo e poi la gallina, in inglese prima la gallina e poi l’uovo (ma solo linguisticamente parlando: Binomi lessicali italiani e inglesi).  E in lituano e in finlandese?

  5. 26 luglio 2012 19:47

    Suom(I)taly:

    Non saprei con certezza ma cercando le occorrenze in rete pare che in finlandese venga prima l’uovo e poi la gallina (linguisticamente parlando). 🙂

  6. 26 luglio 2012 22:47

    Nautilus:

    In Lituano si dice “kas pirma atsirado višta ar kiaušinis?”, dunque viene prima la gallina (višta) e poi l’uovo (kiaušinis). Da notare che le “uova” (kiaušiniai) hanno anche il significato di “testicoli”. 🙂

  7. 26 luglio 2012 23:25

    Licia:

    @Suom(I)taly e @Nautilus, grazie! Da Wikipedia avevo avuto la conferma che nelle lingue neolatine viene prima l’uovo, in quelle germaniche la gallina, tutte le altre per me sono incomprensibili. 

    E a proposito di galline, conoscete Savage Chickens?

  8. 27 luglio 2012 01:16

    Francesco:

    Direi che il dettaglio dell’altalena è fondamentale!

    Il giornalismo italiano è in silly season da un bel pezzo… -__-‘

  9. 27 luglio 2012 07:41

    Nautilus:

    Non conoscevo Savage Chickens, ma che belle queste vignette!

  10. 27 luglio 2012 15:19

    maxxfi:

    Riguardo al finlandese, la apparente maggior frequenza della locuzione ‘uovo o gallina’ non sembra né provenire dai vicini/ex-invasori dell’ovest, né da quelli dell’est, in quanto sia svedesi che russi invertono i termini.
    Aggiungo che anche in finlandese c’è il doppiosenso riportato da Nautilus in lituano.

  11. 27 luglio 2012 23:27

    Silvia Pareschi:

    Grazie per la segnalazione delle vignette, Licia. Almeno lì l’umorismo è volontario!

  12. 27 luglio 2012 23:34

    Silvia Pareschi:

    Uh, e poi ci casco anch’io con il “grazie per”!
    Ehm. Grazie della segnalazione, Licia!

  13. 30 luglio 2012 23:46

    Helf:

    Dalle mie parti quel tipo di altalena nella foto, s’è sempre chiamata pincopanco.

  14. 31 luglio 2012 00:45

    Licia:

    @Helf, grazie. Facci anche sapere di dove sei. 🙂