Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Digitare è lo stesso che scrivere?

Giuseppe Antonelli parla di “italiano telematico” e di confidenza con la scrittura e con i registri linguistici in SMS ed e-mail: la frammentarietà del nuovo italiano scritto:

Ho trovato efficace l’idea di chiamare ipotesto le forme di testo estremamente breve tipiche di SMS, email e Twitter, e di descriverle come esempi di italiano dell’uso immediato (cfr. l’italiano dell’uso medio, definito da Francesco Sabatini, a cui avevo accennato qui).
.

Vedi anche: Internet ed errori di ortografia.

Tag:

Non sono consentiti commenti o ping.

3 commenti a “Digitare è lo stesso che scrivere?”

  1. 23 maggio 2012 17:03

    Carla Crivello:

    A me pare che il concetto di “oralità secondaria” di Walter Ong sia ancora il più adeguato. Un caro saluto. Carla

  2. 23 maggio 2012 18:59

    Licia:

    grazie Carla, non lo conoscevo, ho fatto qualche rapida ricerca e sembra molto interessante.

  3. 24 maggio 2012 08:36

    Rose:

    Sono d’accordo col video: se questo tipo di scrittura fa parte di una gamma di registri, ci può anche stare, ma se è l’unico modo in cui una persona sa esprimersi per iscritto, allora è un guaio.