Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

What’s the craic?

Oggi è St. Patrick’s Day, giorno che mi farà sempre pensare agli anni passati in Irlanda.

Una delle prime parole che avevo imparato a Dublino è craic. Si pronuncia /ˈkræk/ (si scrive anche crack) e può avere vari significati; nel più comune indica divertimento in compagnia e con un livello di decibel parecchio alto, ad es. it was good craic può descrivere una serata trascorsa al pub con risate, chiacchiere, musica e varie pinte di birra. La domanda What’s the craic? invece è spesso un saluto, ad es. a un amico che non si vede da un po’.

Altre espressioni tipiche irlandesi in (Irish) cheap flights.


Per ripassare l’accento irlandese, una scena di Father Ted, sitcom molto divertente:

Vedi anche: post con tag Irlanda, ad es. San Patrizio, pizzicotti e “Oirishness”.

Tag:

Non sono consentiti commenti o ping.

8 commenti a “What’s the craic?”

  1. 17 marzo 2012 13:22

    Aggiungo un vignetta vista in Bizarro Blog! perché è in tema con la giornata ed è un esempio di uno dei miei argomenti preferiti, le conoscenze enciclopediche.

    vignetta Bizarro

    A parte l’accenno a blind date (“appuntamento al buio”), credo che per un italiano sia subito ovvio il riferimento a Medusa (anche parola del lessico comune) mentre per un americano sia più immediato quello a San Patrizio che, stando alla leggenda, aveva cacciato tutti i serpenti dall’Irlanda. 

  2. 17 marzo 2012 14:35

  3. 17 marzo 2012 23:21

    Licia:

    @Giuseppe, grazie per il link!

    Aggiungo una vignetta che mi è arrivata via email. La polisemia di drive (scacciare / guidare) la rende difficile da tradurre in italiano:

    vignetta San Patrizio

    (immagino la vignetta sia americana: l’auto di San Patrizio ha la guida a sinistra e non a destra come ci si aspetterebbe in Irlanda)

  4. 19 marzo 2012 22:47

    Ultan:

    Hi Licia,
    Thanks for posting this. Always great to see aspects of Irish culture mentioned! Ironically, of course, “craic” is a contrived Irish localisation of a word borrowed from the English language: “crack”. The word “craic” has now returned to popular use in the English language which, of course, is the dominant language used in Ireland. I do not recall hearing or using “craic” in Irish when I was growing up! Regardless, it is now in widespread use.

    Ultan

  5. 19 marzo 2012 23:58

    Licia:

    Hi Ultan,
    thanks for the info, I was not aware the spelling craic was that recent. I think I remember learning the word – and its creative spelling – during my induction, mabye it was also listed in the booklet given to all non-Irish employees joining Microsoft at the time, Living and working in Ireland?!? (another essential piece of information we were given was why one of the servers was named tayto ;-)).

    Anyway, I had briefly wondered about craic when I looked it up in A Dictionary of Hiberno-English, where the English spelling is used. I liked the bit recently reintroduced into HE in the belief that it means high-spirited entertainment:

  6. 20 marzo 2012 18:28

    Ultan:

    Hi Licia,

    As I recall some of those servers were named after Irish drink companies too…:) (Perhaps that is why they frequently went offline?)

    As there is no letter “K” in the Irish alphabet, there is no way that the word “crack” would pass muster with the tourism industry here…:) Enter transcreation….

    U

  7. 21 marzo 2012 00:27

    Licia:

    indeed, jameson and guinness, but there was also a more-predictably-named shamrock (thankfully, no leprechaun / leipreachán that I remember – possibly because most of the localization department wouldn't have known how to spell it!?!) 🙂

  8. 11 aprile 2013 21:57

    Il sapore della consapevolezza | Under a maple leaf:

    […] finalmente diventati amici! E ora se mi chiedono “What’s the craic?!” rispondo con piacere che “The craic is 90!” perchè a dir la verità mi sento un po’ irlandese pure io ora […]