Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Cicerone per gli americani

Anche in inglese la parola cicerone significa “guida” ma è da tempo obsoleta.

logo Cicerone™Leggo in Fritinancy che negli Stati Uniti è stata recentemente riesumata per denominare un sommelier della birra. Il nome Cicerone è stato registrato come marchio per due certificazioni:

«The word Cicerone (pronounced sis-uh-rohn) has been chosen to designate those with proven expertise in selecting, acquiring and serving today’s wide range of beers. The titles “Certified Cicerone®” and “Master Cicerone®” are protected certification trademarks. Only those who have passed the requisite test of knowledge and tasting skill can call themselves a Cicerone.» 

Forse d’ora in avanti i turisti italiani negli Stati Uniti dovranno fare attenzione a non apostrofare come cicerone un eventuale compagno di viaggio saccente, magari proprio davanti a un bicchiere di birra?!
.

Vedi anche: la capacità distintiva del marchi registrati negli Stati Uniti.

Tag: ,

Non sono consentiti commenti o ping.

5 commenti a “Cicerone per gli americani”

  1. 6 marzo 2012 09:39

    linus:

    😀

  2. 6 marzo 2012 11:11

    Mauro:

    Ma è legale certificare un nome/parola di uso comune da secoli? Non credo che in Europa sarebbe stato possibile, almeno lo spero…

    Saluti,

    Mauro.

  3. 6 marzo 2012 12:06

    Licia:

    @Mauro, immagino sia dovuto al fatto che cicerone, per quanto raramente usato, era un nome comune (“guida”, per antonomasia). Presumo che in base allo spectrum of distinctiveness il nuovo nome commerciale Cicerone possa essere stato classificato come suggestive.

  4. 6 marzo 2012 20:39

    Silvia Pareschi:

    Ma anche perché negli Usa il nostro Cicerone si chiama Cicero, perciò non credo che il conflitto risulti così evidente (pur rimanendo comunque ridicolo).

  5. 7 marzo 2012 07:51

    Rose:

    Appunto, non c’era già sommelier?
    La faccenda mi sembra un po’ assurda, come se in Italia si decidesse di chiamare, che so, Hemingway, uno chef molto qualificato. Cosa c’azzeccherebbe? E, soprattutto, cosa ne penserebbero gli americani? Bah!