Terminologia etc.

Terminologia, localizzazione, traduzione e altre considerazioni linguistiche

Nei fumetti: HURK

In una striscia di Dilbert ho visto una parola a cui finora non avevo mai fatto caso, hurk:

Dilbert_HURK

Nel contesto il significato è chiaro e si fa presto a verificare che in inglese americano hurk  /hɜrk/, di ovvia origine onomatopeica, indica un conato di vomito. La parola si sarebbe diffusa grazie ai lolcat, dove è usata per descrivere il rumore che pare facciano i gatti quando rigurgitano quello che hanno appena mangiato. Non è ancora registrata dai dizionari tradizionali ma da anni appare in strisce e fumetti, ad es. qui e in questo dettaglio da una striscia di Garfield (da garfield.nfshost.com/1990/06/10, non più disponibile):

hurk_garfield

(da non confondersi con yuk o yuck  /jʌk/, che esprime disgusto; in inglese americano yuk  può anche indicare una risata, come quella di Pippo l’amico di Topolino).

MMMM invece esprime apprezzamento: dettagli in hmm, mmm, mmh, uhm, ehm….

Per rimanere in tema fumetti, vedi anche Tradurre obscenicon? #$*%@!! e L’italiano e i suoni di Topolino & Co.

Tag:

Non sono consentiti commenti o ping.

4 commenti a “Nei fumetti: HURK”

  1. 28 dicembre 2011 20:32

    Mara:

    uhmm, i gatti americani devono essere diversi, il mio non sembra faccia “hurk” quando mi vomita davanti alla camera da letto…:D

  2. 29 dicembre 2011 16:36

    Ilaria:

    Io ero rimasta a “urgh”, ma mi sa che indica qualcosa di meno stomachevole… 🙂

  3. 30 dicembre 2011 16:40

    Mara:

    A me ricorda quasi il suono di un tacchino (dici che sono malata?)

  4. 30 dicembre 2011 18:12

    Licia:

    Io il suono me lo immagino con una vocale simile ad /ə/ e se provo a pronunciare così il verso, mi sembra che renda bene l’idea. Mi rimane però la curiosità di cosa abbia ispirato l’associazione con i gatti, animali con i quali ho scarsissima dimestichezza.